? 2019/04/30/scienze/vulcanologia/Scattata la prima muografia dello Stromboli - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Dati scientifici impietosi:

"Tra 25-30 anni scomparirà

il ghiacciaio della Marmolada"

Cnr marmolada2

11.12.19 - Amara realtà. In soli 10 anni il ghiacciaio della Marmolada, montagna simbolo delle Dolomiti, ha ridotto il suo volume del 30%, mentre la diminuzione areale è stata del 22%.


Positivo il primo test italiano

di crittografia quantistica

cnr logo trasmissione quantum

06.12.19 - Sperimentato per la prima volta un sistema di comunicazione quantistica utilizzando come canale di trasmissione una fibra ottica installata nell'area metropolitana di Firenze.

 Scattata la prima muografia

dello Stromboli

 

infn rivelatore muoni

Il rivelatore di muoni posizionato dai ricercatori sul sito Le Roccette  a 640 metri di quota (foto ingv.it)

 

infn stromboli-muografia

Il profilo (in blu) del vulcano Stromboli visto dal rivelatore. La zona a bassa densità nell'area sommitale del vulcano è evidenziata dal colore rosso (foto infn.it)

 

30.04.19 - È stata realizzata per la prima volta la radiografia muonica o muografia del vulcano Stromboli. Si tratta di una tecnologia innovativa frutto della collaborazione di un gruppo di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) in collaborazione con Istituti di ricerca giapponesi.

La muografia è una tecnica che utilizza i muoni - particelle che vengono prodotte quando i raggi cosmici provenienti dallo spazio interagiscono con l’atmosfera terrestre - per ricostruire un’immagine della struttura interna di un oggetto.

I risultati della prima radiografia muonica del vulcano Stromboli, pubblicati oggi, 30 aprile, sulla rivista internazionale Scientific Reports di Nature, hanno rivelato la presenza di una zona a bassa densità nell’area sommitale del vulcano. Questa zona corrisponde a una struttura di collasso formatasi nell’area dei crateri durante l’eruzione effusiva del 2007 e successivamente riempita da materiale piroclastico incoerente prodotto dall’attività esplosiva stromboliana. La struttura, che ha condizionato lo stile eruttivo del vulcano dopo l’eruzione del 2007, presenta una densità di oltre il 30% inferiore rispetto al resto del substrato roccioso.

Il risultato ottenuto servirà a comprendere meglio i processi eruttivi stromboliani e la dinamica del versante della Sciara del Fuoco, che nel passato è stato più volte interessato da frane tsunamigeniche” - spiega Flora Giudicepietro, dell’Osservatorio Vesuviano di Napoli (INGV), che ha contribuito alla ricerca.

La tecnica della radiografia muonica si basa su un principio simile a quello della radiografia che utilizza raggi X ma, rispetto a questa, presenta il vantaggio di poter essere impiegata per investigare oggetti molto più grandi, come i vulcani, appunto, perché i muoni hanno una capacità di penetrazione nella materia molto maggiore rispetto ai raggi X.

Il rivelatore di muoni che abbiamo progettato si basa sulle tecnologie sviluppate per l’esperimento OPERA, che ha studiato ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN le proprietà del fascio di neutrini proveniente dal CERN”, sottolinea Giovanni De Lellis della Sezione INFN di Napoli e dell’Università Federico II, a capo dell’esperimento OPERA e tra gli ideatori del progetto.

Aggiunge: “La prima sfida che abbiamo dovuto affrontare è stata la necessità di ideare un rivelatore compatto con alta risoluzione angolare, che non richiedesse alimentazione elettrica, che si potesse trasportare sulle pendici del vulcano e resistesse alle intemperie”.

Il rivelatore utilizzato è costituito da 320 film di emulsioni nucleari, speciali lastre fotografiche che consentono di “fotografare” con grande precisione il passaggio delle particelle che le attraversano. La superficie del rivelatore utilizzata è di circa un metro quadrato. Il rivelatore è stato posizionato nel sito Le Roccette, a 640 metri di quota e ha raccolto per circa 5 mesi le tracce dei muoni che hanno attraversato il vulcano.

I muoni prodotti nell’interazione dei raggi cosmici con l’atmosfera penetrano nella roccia vulcanica e possono attraversarla da parte a parte. Tuttavia, a seconda della densità e dello spessore della roccia, una parte di questi viene assorbita” - conclude Valeri Tioukov, dell’INFN di Napoli, che ha coordinato il progetto. “Dal numero di muoni che arriva sul nostro rivelatore dalle diverse direzioni possiamo quindi capire la densità del materiale che hanno attraversato.” Da questo momento radiografie periodiche della sommità del vulcano potranno essere usate per monitorare l’evoluzione della sua struttura interna. (red.)

vedi
https://www.nature.com/articles/s41598-019-43131-8 
www.infn.it 
www.ingv.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

  

SR cop Dic19

N. 12  Dicembre 2019

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

 

 Cronaca

GVR Venezia si alzano le dighe del Mose2

03.12.19 - Venezia, positivo il test di solevamento del Mose

 Dossier Guerra Fredda

 

Auto Hy plug in ev

 

 

La nota

12.12.19 - Niente di nuovo sotto il Sole 
di Flavio Leardini

In cauda venenum
29.11.19 - Non è casuale

Vignette nel web - Raccolta 2019

vignetta corriere.it Stelle stalle 131219

Corriere.it   13.12.19

vignetta italiaoggi.it Addomesticate 131219

Italiaoggi.it   13.12.19

vignetta ilfq La terracotta 131219 

Ilfattoquotidiano.it   13.12.19

vignetta heos.it La barca affonda 131219

 Heos.it   13.12.19

    

Regalati un libro

Libro La mia europa daverio

 12.12.19 - La mia Europa
 a piccoli passi

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Immagini dal Mondo

 

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra