Ghiaccio marino antartico vicino ai minimi storici e quello artico continua a diminuire

236
Il ghiaccio marino agisce come un cuscinetto tra l'oceano e l'atmosfera
Scioglimento dei ghiacci al Polo Nord (credit: nasa.gov)

Il ghiaccio marino sia sulla parte superiore sia inferiore del pianeta continua a diminuire. Nelle acque intorno all’Antartide, la copertura di ghiaccio si è ridotta ai minimi quasi storici per il terzo anno consecutivo. Secondo gli scienziati della NASA e del National Snow and Ice Data Center, la perdita ricorrente suggerisce un cambiamento a lungo termine delle condizioni nell’Oceano Antartico, probabilmente derivante dal cambiamento climatico globale. Nel frattempo, la tendenza di 46 anni di contrazione e assottigliamento del ghiaccio nell’Oceano Artico non mostra segni di inversione. Il ghiaccio marino agisce come un cuscinetto tra l’oceano e l’atmosfera – affermano gli scienziati che studiano il fenomeno – e questo impedisce gran parte dello scambio di calore e umidità dall’oceano relativamente caldo all’atmosfera sovrastante.

Una minore copertura di ghiaccio, pertanto, consente all’oceano di riscaldare l’atmosfera sopra i poli, portando a un maggiore scioglimento dei ghiacci in un circolo vizioso di aumento delle temperature. Storicamente, l’area di ghiaccio marino che circonda il continente antartico ha fluttuato notevolmente di anno in anno, mentre le medie nel corso dei decenni sono state relativamente stabili. Negli ultimi anni, però, la copertura del ghiaccio marino attorno all’Antartide è crollata. Nel 2016 la copertura del ghiaccio marino antartico è diminuita ed è rimasta in gran parte inferiore al normale e negli ultimi sette anni si sono registrati tre minimi storici.

Quest’anno, il ghiaccio marino antartico ha raggiunto la sua estensione annuale più bassa il 20 febbraio, con un totale di 1,99 milioni di chilometri quadrati. Si tratta del 30% in meno rispetto alla media di fine estate dal 1981 al 2010. La differenza nella copertura di ghiaccio si estende su un’area grande quanto il Texas. L’estensione del ghiaccio marino è definita come l’area totale dell’oceano in cui la frazione di copertura del ghiaccio è almeno del 15%.

Il minimo di quest’anno è legato a quello di febbraio 2022 per la seconda copertura di ghiaccio più bassa attorno all’Antartide e vicino al minimo storico del 2023 di 1,79 milioni di chilometri quadrati. Con l’ultimo ritiro dei ghiacci, quest’anno segna la media triennale più bassa per la copertura dei ghiacci osservata nel continente antartico in più di quattro decenni.

Nel frattempo, al Polo Nord, la massima copertura di ghiaccio invernale nell’Oceano Artico è coerente con un declino in corso da 46 anni. Le immagini satellitari rivelano che l’area totale dell’Oceano Artico coperta di ghiaccio marino ha raggiunto i 15,65 milioni di chilometri quadrati il 14 marzo scorso. Si tratta di 640.000 chilometri quadrati di ghiaccio in meno rispetto alla media tra il 1981 e il 2010. Dal 1979, la massima copertura di ghiaccio invernale nell’Artico si è ridotta di un’area equivalente alla dimensione dell’Alaska. Il massimo del ghiaccio artico di quest’anno è il 14esimo più basso mai registrato. La complessità dei modelli meteorologici rende difficile prevedere cosa accadrà in un prossimo futuro.

Il restringimento del ghiaccio, quindi, rende la Terra più suscettibile al riscaldamento solare. Il ghiaccio marino e la neve sopra sono molto riflettenti. In estate, se c’è più ghiaccio marino, questo riflette la radiazione solare e aiuta a mantenere il pianeta più fresco. Viceversa, se l’oceano esposto è più scuro e assorbe prontamente la radiazione solare, catturando e trattenendo energia e, in definitiva, contribuendo al riscaldamento degli oceani e dell’atmosfera del pianeta.

La prospettiva è che al Polo Nord nell’arco di pochi decenni ci saranno estati sostanzialmente prive di ghiaccio a causa di una copertura al di sotto di 1 milione di chilometri quadrati e quindi la maggior parte dell’Oceano Artico sarà esposto al caldo del Sole. (Red.)

Vedi
https://www.nasa.gov/earth/antarctic-sea-ice-near-historic-lows-arctic-ice-continues-decline/

Suggerimenti