Copernicus: record di temperatura globale con Aprile 2024 il più caldo mai registrato

197
Questo è l'undicesimo mese di fila più caldo nella registrazione dei dati ERA5
Copernicus

Aprile 2024 è stato più caldo a livello globale rispetto a qualsiasi altro aprile precedente nei dati registrati, con una temperatura media dell’aria superficiale ERA5 (quinta generazione dell’European Centre for Medium-Range Weather Forecasts -ECMWF) di 15.03°C, 0.67°C al di sopra della media del periodo compreso tra il 1991 e il 2020 per il mese di aprile e 0.14°C al di sopra del precedente massimo stabilito nell’aprile 2016.

Questo è l’undicesimo mese di fila più caldo nella registrazione dei dati ERA5 per il rispettivo mese dell’anno. Sebbene insolita, una striscia simile di record mensili di temperatura globale si è verificata in precedenza nel 2015/2016. Il mese è stato più caldo di 1.58°C rispetto alla stima della media di aprile per il periodo compreso tra il 1850 e il 1900, il periodo di riferimento preindustriale. 

La temperatura media globale degli ultimi 12 mesi (maggio 2023 – aprile 2024) è la più alta mai registrata, con 0.73°C al di sopra della media per il periodo di riferimento tra il 1991 e il 2020 e 1.61°C al di sopra della media preindustriale (1850-1900).  La temperatura media europea per l’aprile 2024 è stata di 1.49°C superiore alla media del periodo compreso tra il 1991 e il 2020, rendendo il mese il secondo aprile più caldo del continente.

Le temperature sono state più alte della media nelle regioni dell’Europa orientale. La Fennoscandia (penisola finno-scandinava) e l’Islanda hanno registrato temperature inferiori alla media. La temperatura media, tuttavia, nasconde il contrasto tra le temperature più calde e più fredde registrate all’inizio e alla fine di aprile in Europa occidentale.

Al di fuori dell’Europa, le temperature sono state maggiormente al di sopra della media nell’America settentrionale e nord-orientale, in Groenlandia, nell’Asia orientale, nel Medio Oriente nordoccidentale, in alcune parti del Sud America e nella maggior parte dell’Africa.

Il El Niño nel Pacifico equatoriale orientale ha continuato a indebolirsi verso condizioni neutre, ma le temperature dell’aria marina in generale sono rimaste a un livello insolitamente alto. 

La temperatura superficiale marina (SST) globale mediata per aprile 2024 su 60°S-60°N è stata di 21.04°C, il valore più alto registrato per il mese, marginalmente inferiore ai 21.07°C registrati per marzo 2024. Questo è il tredicesimo mese consecutivo in cui la SST è stata la più calda nel record dei dati ERA5 per il rispettivo mese dell’anno.

Condizioni idrologiche
Nel mese di aprile 2024, la maggior parte dell’Europa nord-occidentale, centrale e nord-orientale è stata prevalentemente più umida della media. La maggior parte dell’Europa meridionale, comprese ampie zone della Spagna orientale, l’Italia peninsulare, i Balcani occidentali, la Turchia, l’Ucraina e la Russia meridionale, nonché l’Islanda, sono state più secche della media.

Nel mese di aprile 2024, le condizioni sono state più umide della media nelle regioni dell’America centrale, orientale e meridionale del Nord, in Asia centrale, nei Paesi del Golfo Persico, nell’Asia orientale, nell’Australia orientale e nel Brasile meridionale; le forti precipitazioni hanno spesso provocato inondazioni. Condizioni più secche della media sono state osservate in alcune parti del Messico settentrionale, intorno al Mar Caspio e all’altopiano tibetano. Anche la maggior parte dell’Australia è stata più secca della media.

Ghiaccio marino
L’estensione del ghiaccio marino artico è stata di circa il 2% inferiore alla media, un’anomalia negativa relativamente piccola rispetto alle anomalie di aprile registrate negli ultimi 10 anni. Come a marzo, le anomalie della concentrazione di ghiaccio marino sono state contrastanti nell’Oceano Artico. Le concentrazioni sono rimaste al di sopra della media nel Mar di Groenlandia, una caratteristica persistente da ottobre. 
L’estensione del ghiaccio marino antartico è stata del 9% al di sotto della media, la decima più bassa per il mese di aprile nella storia dei dati satellitari, continuando un modello di frequenti anomalie negative di grandi dimensioni osservate dal 2017.  Come a febbraio e marzo, le concentrazioni di ghiaccio marino sono state maggiormente al di sotto della media nel Mare di Weddell settentrionale (parte dell’Oceano Antartico) e nel settore del Mare di Ross-Amundsen (un ramo dell’Oceano Antartico). (Red.)

Vedi
https://eo.belspo.be/en/copernicus-european-commissions-earth-observation-programme
https://www.bpress.it/

Suggerimenti