? Realizzata per la prima volta una memoria quantistica di dimensioni simili a un globulo rosso - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Alzheimer, con la tomografia

ad emissione di positroni (Pet)

diagnosi precoce

07.12.17 - Si è aggiunto un altro mattone all'uso della tomografia ad emissione di positroni (Pet) per evidenziare eventuali alterazioni anatomiche ippocampali o corticali, caratteristiche della malattia di Alzheimer.


Editoria, i dati Censis

su calo dei consumi editoriali

e crescita fake news (bufale)

07.12.17 - Il dato: solo il 35% degli italiani legge un quotidiano. I lettori stanno traslocando sempre più in internet, dove a più della metà degli utenti è capitato di dare credito a notizie false circolate nel web.

 Realizzata per la prima volta

una memoria quantistica

di dimensioni simili 

a un globulo rosso

 

05.10.17 - Un altro passo avanti verso i computer quantistici. Per la prima volta, un team internazionale di scienziati, guidato dal California Institute of Technology, di cui fa parte l’università di Verona, è stato in grado di realizzare una memoria quantistica di dimensioni estremamente ridotte, 1.000 volte più piccola di dispositivi simili già presenti sul mercato, a tal punto da poterla inserire direttamente in un chip.

Da alcuni anni i ricercatori stanno tentando di realizzare computer quantistici che si basino sulla trasmissione di luce (fotoni) e non di elettricità. La sfida era, anche, nella miniaturizzazione delle componenti. La novità della scoperta, risiede nell’aver creato una memoria di dimensioni estremamente ridotte, pochi micron, capace di essere inserita direttamente in un chip.

Questa memoria è basata su cristalli di vanadato di ittrio, contenenti quantità estremamente piccole dello ione neodimio, un elemento appartenente alla serie delle Terre Rare, in realtà elementi tutt’altro che rari, basti pensare che sono presenti nelle comuni lampadine a led e negli schermi tv. La memoria quantistica immagazzina le informazioni in modo simile alle memorie tradizionali, ma lo fa attraverso singole particelle quantistiche, in questo caso fotoni di luce. Ciò avviene nello ione neodimio, responsabile dell'assorbimento ed emissione della luce, che dà luogo all'immagazzinamento e rilascio delle informazioni. Questo consente di sfruttare le caratteristiche eccezionali della meccanica quantistica per memorizzare i dati in modo più efficiente e sicuro.

“Fino ad oggi le memorie quantistiche erano realizzate con cristalli di dimensioni molto superiori”, spiega Marco Bettinelli, docente di Chimica generale e inorganica nel dipartimento di Biotecnologie dell’ateneo scaligero ed esperto nello studio delle interazioni fra luce e materiali di tipo inorganico, tra gli autori dello studio. “Il risultato raggiunto dal team di ricerca internazionale è significativo proprio per le dimensioni nanometriche, pari a 700 nanometri di larghezza per 15 micron di lunghezza, assimilabili alle dimensioni di un globulo rosso. Le proprietà delle memorie quantistiche garantiscono una maggiore fedeltà dell’informazione, rispetto alle memorie convenzionali, con un evidente vantaggio nell’efficienza”.

Il nuovo tipo di chip potrebbe in futuro non molto lontano essere integrato in sistemi più complessi, dando il via alle prime reti quantistiche e rivoluzionando nettamente l'approccio attuale.

La ricerca, pubblicata dalla rivista Science lo scorso 29 settembre, è stata condotta da un team internazionale di scienziati, con capofila il California Institute of Technology, di cui fa parte l’università di Verona, insieme all’università di Parma, al National Institute of Standards and Technology, agenzia governativa degli Stati Uniti, e al Jet Propulsion Laboratory di Pasadena (California). (red)

vedi
www.univr.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra