Le coop rosse e la "pelle dei giovani"
 
I colpi più duri contro le coop rosse in questi giorni non sono arrivati dalla magistratura impegnata nelle indagini sulle tangenti dell' Expo milanese ma dal capo della Ggil Susanna Camusso. E lo ha fatto soprattutto mettendo nel mirino il  ministro del Lavoro Giuliano Poletti che ha lasciato la presidenza di Legacoop da poco tempo per farsi interprete a tempo pieno del verbo renziano sul mercato del lavoro.  Negli anni 90 del secolo scorso però va ricordato che anche il predecessore della Camusso, Sergio Cofferati già parlava delle cooperative rosse in termini molto acidi.: "considerano il lavoro come occasione di profitto sulla pelle dei giovani” riporta il sito de ilfattoquotidiano.it  
 
Regalati o regala un abbonamento a Heos.it