Un percorso di 200 km. Storia, tradizioni, arti e culture tra terra e mare
In viaggio lungo l’antica Via Annia
 
 

Resti della via Annia ad Altino (Ve)
 
 
24.03 - Una caratteristica straordinaria della cultura romana fu la capacità di espandersi in nuovi territori, di trasformarli con opere di ingegneria e di costruire strade anche nei luoghi più impervi. Nel II sec. p.e.v. (prima dell'era volgare)  ebbe inizio l'espansione di Roma nell'Italia Settentrionale e fu allora che, per volontà di un magistrato appartenente alla gens Annia, venne steso il tracciato denominato Via Annia. Oggi, nell'ambito di un progetto finalizzato al recupero e alla valorizzazione di questo antico tracciato, sono stati individuati 32 punti di rilievo storico-archeologico. 
 
Questi sono stati segnalati con un pannello didattico - informativo che permette ai visitatori di approfondire la conoscenza del singolo luogo e di percepire l'articolazione dell'intero tracciato romano. Il percorso della via Annia vede nei musei archeologici di Aquileia, Concordia Sagittaria, Altino, Padova e Adria cinque fulcri espositivi. Al loro interno, in apposite sezioni dedicate alla strada è possibile ammirare lo straordinario patrimonio di reperti, testimonianze e tracce della Via Annia. 
 
Articolo completo su Heos.it settimanale pdf in Abbonamento