Esperimento all’università di Edimburgo
Rigenerato il timo con trapianto di cellule
 
 
In un topo gli scienziati hanno rigenerato (e funziona) il timo grazie al trapianto di cellule prelevate dall'embrione e riprogrammate in laboratorio. L'esperimento è stato condotto al Centro di medicina rigenerativa dell'università scozzese di Edimburgo (Regno Unito). Da questo momento si aprono nuove prospettive anche per il trattamento delle malattie del timo oltre che nei pazienti con le difese immunitarie abbassate dopo un trapianto di midollo osseo. L’esperimento rappresenta un importante passo avanti verso la creazione in laboratorio, in un futuro non molto lontano, di un timo artificiale utile in ambito clinico. 
 
Per quanto riguarda l'esperimento i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Cell Biology,  i ricercatori britannici hanno prelevato dall'embrione di topo alcune cellule chiamate fibroblasti. Quindi hanno agito su un solo interruttore genetico (il gene Fox-n1), riuscendo così  a riprogrammare le cellule, trasformandole in cellule del timo pienamente funzionanti e in grado di supportare il differenziamento dei linfociti T, i cosiddetti "direttori d'orchestra" del sistema immunitario. Una volta trapiantate nel topo, le cellule riprogrammate si sono organizzate rigenerando il timo che è risultato identico per funzione e struttura al timo che si può trovare normalmente in un topo adulto e sano. (Red)
 
Vedi http://www.ed.ac.uk 
 
Regalati o regala un abbonamento a Heos.it