? 2020/02/27/spazio/scienze/roma tre/cnr/Svelata la struttura stratigrafica della faccia nascosta della Luna - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Osservato per la prima volta il getto relativistico di Quasar 3C 279

Ecco cosa c'è nel centro

del cuore di un buco nero

supermassiccio

Infn cuore 3C279

07.04.20 - Dopo la famosissima prima immagine di un buco nero, la collaborazione scientifica internazionale Event Horizon Telescope (EHT), adesso è riuscita a ritrarre, con un livello di dettaglio inedito, il quasar 3C 279, un getto relativistico originato probabilmente dalle vicinanze di un buco nero supermassiccio.


Due milioni di anni fa, Australopithecus, Paranthropus robustus e Homo erectus hanno vissuto contemporaneamente in Sudafrica. Nel gruppo internazionale di ricerca anche le Università di Pisa e Firenze

I nostri antenati di Drimolen

 Unipi .ricercatori drimolen

03.04.20 - I nostri antenati Australopithecus, Paranthropus robustus e Homo erectus tutti insieme contemporaneamente due milioni di anni fa in Sudafrica, nella cosiddetta Cradle of Humankind (culla dell’umanità).

Lo studio firmato da ricercatori cinesi e italiani di Roma Tre e Cnr

Svelata la struttura

stratigrafica della faccia

nascosta della Luna

 

spazio  rover cinese Yutu-2 sulla Luna

Il rover cinese Yutu-2 in movimento al polo sud della faccia nascosta della Luna (Credit: CNSA / CLEP)

Spazio regione atterraggio sonda cinese

( A ) CE-4 è atterrato nel piano orientale del cratere Von Kármán (diametro ~ 186.3 km), come indicato dalla croce bianca. Le linee gialle e verdi mostrano la direzione da Finsen ( 12 ) e Von Kármán L. ( B ) Percorso del rover Yutu-2 durante i primi due giorni lunari. Due linee rosse mostrano le tracce delle ruote sinistra e destra sul rover Yutu-2 (Credit: CNSA / CLEP)

 

27.02.20 - Per la prima volta è stata svelata la struttura del sottosuolo del più grande bacino da impatto lunare, Polo Sud-Aitken, situato sulla faccia nascosta della Luna. Il radar cinese a bordo del piccolo rover Yutu-2 ha rilevato infatti, sotto una distesa di polvere grigia finissima, la cosiddetta regolite lunare, la successione dei prodotti degli impatti che hanno modellato la superficie lunare nel corso di miliardi di anni.

I risultati dei dati acquisiti nei primi due giorni di misurazione sono stati pubblicati sulla rivista Science Advances a firma insieme ai ricercatori cinesi, anche di tre ricercatori italiani, Sebastian Lauro ed Elena Pettinelli dell’Università degli studi Roma Tre e Francesco Soldovieri dell’Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell’ambiente del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Irea). Gli stessi ricercatori che hanno fatto parte del team italiano che ha scoperto l’acqua liquida sotto il polo sud marziano nel 2018.

Il 3 gennaio 2019 la missione cinese Chang’è 4 si è posata sul fondo del cratere Von Karman, all’interno del Bacino Polo Sud-Aitken, diventando la prima missione ad allunare con successo sulla faccia nascosta della Luna. La zona di allunaggio di questa missione è particolarmente importante perché vicina all’area (Polo Sud lunare) dove la sonda indiana Chandrayaan-1 ha recentemente confermato la presenza dell’acqua sotto forma di depositi di ghiaccio, una zona di grande interesse per la futura esplorazione umana.

La Luna ha una natura dicotomica molto particolare: la faccia visibile ha una crosta più sottile caratterizzata da larghi bacini chiamati mari, sostanzialmente riempiti di lava basaltica proveniente dal mantello ormai solidificata; la faccia nascosta invece ha una crosta più spessa, è sostanzialmente priva di mari, ed è prevalentemente costituita da roccia anortositica, il materiale crostale originario formatosi miliardi di anni fa.

Si conosce molto della faccia visibile, grazie alle missioni umane (programma americano Apollo), che hanno effettuato esperimenti geofisici in sito e riportato quasi 400 kg di rocce lunari, ed a quelle robotiche (programma sovietico). Queste missioni hanno rivelato aspetti inattesi dell’origine della Luna, della sua storia geologica e della sua struttura interna, rivoluzionando le precedenti teorie.

Pochissimo invece si sa del “lato oscuro” del nostro satellite naturale. È per questo motivo che, dopo il parziale successo della missione Chang’è 3 su Mare Imbrium (lato vicino), i cinesi si sono concentrati sulla missione più difficile, quella di allunare sul lato che non si vede e che non si può “direttamente monitorare”. La missione è andata secondo i piani ed il rover Yutu-2 ha cominciato la sua esplorazione lunare 12 ore dopo l’allunaggio del lander.

I dati radar che hanno permesso di ricostruire la struttura del sottosuolo lunare, con una risoluzione mai ottenuta prima d’ora, sono stati acquisiti grazie all’impiego delle antenne ad alta frequenza (500MHz) montate sotto la struttura del rover. “Quello che ci ha più sorpreso – ha dichiarato Elena Pettinelli dell’Università degli studi Roma Tre - è la straordinaria trasparenza del terreno di Von Karman alle onde radio, che ci ha permesso di vedere distintamente le strutture geologiche fino a 40 m. di profondità, una cosa assolutamente impossibile da ottenere sulla Terra a quella frequenza, a causa della onnipresenza di acqua liquida nel sottosuolo”.

Abbiamo comunque dovuto lavorare sodo all’analisi dei dati per estrarre le informazioni riguardanti i dettagli della stratigrafia e, soprattutto, per evitare errori nell’interpretazione dei dati”, ha aggiunto Sebastian Lauro dell’Università degli studi Roma. “Alla fine – ha concluso Francesco Soldovieri del Cnr-Irea - abbiamo individuato l’algoritmo giusto, applicando un approccio noto come inversione tomografica, siamo riusciti ad individuare la presenza dei tipici prodotti di impatto sotto uno spesso strato di regolite”.

Ma cosa ha scoperto realmente il radar? Data la “trasparenza” dei materiali è stata possibile definire in dettaglio la sequenza verticale degli strati. La parte superiore è costituita da materiale finissimo ed uniforme (regolite) che si estende fino ad una profondità di circa 12 m. Questo materiale è frutto di un lungo processo di frantumazione ed aggregazione dovuta all’impatto di micrometeoriti ed all’interazione del suolo con la radiazione solare. Al di sotto di questo si alternano strati ricchi di blocchi derivanti dalle espulsioni di materiale dai vicini crateri generati dall’impatto con asteroidi e strati più fini fino ad una profondità di 40 m., limite di indagine del radar.

Il ritorno sulla Luna dell’uomo è ormai imminente. L’idea di creare una base scientifica, come quella in Antartide, è un progetto ambizioso ma possibile. Tuttavia, lo sviluppo di un insediamento umano lunare richiede la capacità di utilizzare e riciclare le risorse presenti sulla Luna, come l’acqua dal ghiaccio e l’ossigeno dalla regolite lunare. Per questo motivo, l’esplorazione geofisica del sottosuolo, così come lo è sulla Terra per l’individuazione delle risorse naturali, è ora di fondamentale importanza sulla Luna per la scelta del sito adatto alla costruzione di una base lunare. (red)

Vedi

https://advances.sciencemag.org/content/6/9/eaay6898  

http://www.uniroma3.it/

www.cnr.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

  

SR Marzo20

N. 03  Marzo 2020

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

 

 Cronaca

25.02.20 - Amuchina esaurita? Ecco la guida OMS (WHO) per farla in casa

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 

04.04.20 - Garantire la filiera dei beni primari  di Pierre Zanin

Coronavirus contingente russo

03.04.20 - I ministri degli Esteri e della Difesa, Di Maio e Guerini: “Inopportuno l’attacco del ministero degli Esteri russo contro La Stampa”

02.04.20 - Coronavirus, Radicali: "Guerini relazioni subito in Parlamento su composizione missione russa"

28.03.20 - Il Coronavirus, la nuova Yalta

27.03.20 - "Franza o Spagna purché se magna"

20.02.20 - L’obbligo delle firme elettorali è incostituzionale?

 

Modello Standard

03.02-20 - Prescrizione e inefficienza dello Stato

29.01.20 - Il paradosso dell'omicio del coniuge 
Super Piercamillo Davigo mejo de Tex Willer

14.01.20 - Condizionamenti

Vignette nel web - Raccolta 2020

vignetta corriere.it Trasformista 080420

Corriere.it   08.04.20

vignetta italiaoggi.it La trappola 080420

Italiaoggi.it  08.04.20

 vignetta ilfq Tutti promossi 080420

Ilfattoquotidiano.it  08.04.20

vignetta heos.it Buio senza stelle 080420

 Heos.it   08.04.20

    

In libreria

Libro Io sono il potere

29.03.20 - Confessioni di un capo di Gabinetto

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

ambiente delfini in veneto

31.03.20 - Veneto, a fine febbraio avvistati alcuni delfini ad Albarella

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra