? Dalle profondità del tempo spunta il sistema nervoso di un insetto di 240 milioni di anni - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Terremoti: innovativo

intonaco “armato”

made in Italy raddoppia

la resistenza degli edifici

 enea fibrenet tecno antisisma

23.01 - Una struttura tipica dell’edilizia dei centri storici dell’Appenino ha resistito a terremoti di intensità più che raddoppiata rispetto al sisma più violento che ha colpito il centro Italia nel 2016. 


Lavori in corso

per la "navetta molecolare

terapeutica" che raggiunge

e ripara il cuore

 cnr inalazione nanoparticelle

19.01.18 - Inalazione di nanoparticelle ‘caricate’ con farmaci capaci di arrivare rapidamente al cuore. E' la nuova tecnica non invasiva per il trattamento dei disturbi cardiovascolari.

 Dalle profondità del tempo

spunta il sistema nervoso

di un insetto

di 240 milioni di anni

 

 

unimi artropode triassico

 

Ricostruzione artistica dell'artropode "Gigamachilis triassicus" (foto nature.com)

 


07.04.17 - Osservati nel dettaglio per la prima volta in un artropode terrestre fossile – un insetto vissuto 240 milioni di anni fa - i muscoli presenti nelle zampe e importanti componenti del sistema nervoso centrale. Lo studio, svolto sul Monte San Giorgio (Canton Ticino, Svizzera) da Università Statale di Milano e Ludwig Maximillian Univeristy di Monaco, conferma la teoria del modello evolutivo a “balzi”, permettendo inoltre di retrodatare di ben 100 milioni di anni rispetto a quanto finora ipotizzato l’origine delle attuali famiglie dell’antichissimo insetto.

Le ricerche paleontologiche hanno avuto inizio nei primi anni 2000 dal gruppo di specialisti guidato da Andrea Tintori dell’Università di Milano. Nel sito paleontologico del Monte San Giorgio , tra i più importanti al mondo per i ritrovamenti di vertebrati marini del Triassico Medio (circa 240 milioni di anni fa), sono stati ritrovati 19 esemplari di insetti fossili. Tra questi, più di un terzo possiede un’eccezionale conservazione di organi e tessuti molli, condizione raramente presente nei fossili.

Due di questi esemplari sono stati oggetto di uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports del gruppo Nature, che vede come senior author Matteo Montagna, entomologo evoluzionista al Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università degli Studi di Milano, e i colleghi Laura Strada della stessa università, Joachim e Carolin Haug della Ludwig Maximilian University di Monaco.

"Gigamachilis triassicus", così è stata nominata dai ricercatori la nuova specie descritta, è stata riconosciuta appartenere a una famiglia attuale dell’ordine degli archeognati, insetti privi di ali e anche per questo considerati tra i più primitivi in assoluto. Il nome generico, "Gigamachilis", deriva dalle eccezionali dimensioni di questa specie, circa 8 cm includendo il filum terminale, quasi quattro volte più lunga degli attuali archeognati, i cui parenti prossimi, i "pesciolini d’argento", sono più noti al pubblico poiché li si può osservare talvolta nelle nostre case correre a nascondersi dietro i mobili appena accesa la luce.

"G. triassicus", grazie all’eccezionale conservazione dei “tessuti molli” avvenuta attraverso il processo di fosfatizzazione, apre un’inattesa finestra sul cosiddetto “tempo profondo” che permette di osservare l’anatomia interna di un insetto vissuto circa 240 milioni di anni fa. Per la prima volta in un artropode terrestre fossile si possono osservare in dettaglio i muscoli presenti nelle zampe e soprattutto importanti componenti del sistema nervoso centrale, quali quattro coppie di gangli addominali e strutture presenti nei lobi ottici.

La forma e posizione di queste strutture è risultata identica a quella degli attuali archeognati, confermando la stasi evolutiva di queste strutture e apportando evidenze a supporto del modello secondo cui l’evoluzione procede a balzi: periodi “brevi” di intenso cambiamento seguiti da lunghi periodi di stabilità.

E’ possibile che il ‘balzo’ evolutivo che ha portato alla comparsa di questo insetto sia conseguenza della più importante crisi biologica, quella avvenuta circa 252 milioni di anni fa e che ci permette oggi di separare il Paleozoico dal Mesozoico. Gli insetti erano già presenti in gran numero e anche loro hanno subito gli effetti di questa crisi che ha portato alla scomparsa di diversi gruppi e successivamente alla comparsa di nuovi che andarono ad occupare le nicchie ecologiche lasciate libere dalle estinzioni.

Oltre alla conservazione eccezionale di organi e tessuti interni, il ritrovamento di "G. triassicus" ha un grande impatto sulla conoscenza dell’evoluzione di questo gruppo di insetti poiché l’origine delle attuali famiglie viene retrodatata di oltre 100 milioni di anni, dal Cretacico Inferiore al Triassico Medio.

I ricercatori italiani coinvolti nello studio, sfruttando anche gli altri esemplari rinvenuti sul Monte San Giorgio, sono ora al lavoro con colleghi della University of Sydney per ricalibrare le datazioni dell’origine dei maggiori gruppi di insetti e valutare l’impatto della crisi Permiano-Triassico sull’evoluzione di questo gruppo animale che oggi domina la vita sulla Terra.

Commenta Matteo Montagna: “Il Monte San Giorgio, divenuto patrimonio UNESCO per i suoi fossili di vertebrati marini, non finisce di stupire e meriterebbe ancora molta attenzione da parte del mondo scientifico e non solo. Questo studio - conclude - dimostra che anche dopo oltre 150 anni di ricerche, su questo sito è ancora possibile fare incredibili scoperte e che talvolta sono proprio i fossili più piccoli a dare i risultati più incredibili". (Red)

Vedi
www.unimi.it 
http://www.nature.com/articles/srep46016 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra