? Opinioni - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Renzi ha solo una settimana per cambiare
strategia ed evitare guai dopo il voto
 
di Enrico Cisnetto
 
Dai, togliamoci dalle scatole queste inutili, anzi dannose, elezioni europee, e poi mettiamoci a fare sul serio. E sì, perché questa consultazione, con il suo penoso tentativo all’italiana di far finta di votare direttamente per il presidente della Commissione Ue per il solo fatto di aver autorizzato a mettere dei nomi sulle schede, certo non serve a risolvere i problemi strutturali dell’eurozona. Che si ritrova oggi, nella fase di transizione (maledettamente lunga) tra la recessione e la ripresa, non solo incapace a tenere il passo del resto del mondo – in fondo questo era scontato – ma anche e soprattutto divisa in tante economie diverse, che viaggiano a velocità sempre più divaricate. A testimonianza che è fallito, ammesso che ci sia davvero mai stato, il tentativo di unificare le politiche economiche e finanziarie dei membri del club. E questo spiega perché c’è grande scetticismo su questo voto, e perché il grande spauracchio che si aggira per l’Europa è che dalle urne esca vincitore il partito eurodisfattista, nelle sue diverse articolazioni. 
 
La contraddizione in cui siamo caduti è che se l’Europa non funziona – e su questo non ci piove – è per difetto, cioè per mancanza di quel passaggio federale che doveva progressivamente spogliare le sovranità nazionali per delegarne i poteri ad un governo europeo eletto democraticamente in via diretta, mentre la valutazione prevalente è invece che sia per eccesso, cioè per un’esagerata ingerenza delle decisioni comunitarie nella vita di ciascun paese, il che genera risposte che vanno dal “meno Europa” al dirompente “usciamo dall’euro”. Naturalmente, specie in Italia, chi predica la fine della moneta unica, o la rescissione unilaterale del patto monetario, non spiega come concretamente si potrebbe uscire dall’euro e tace, o mente, su cosa succederebbe nel caso lo si facesse davvero. 
 
No, ci si accontenta di vellicare la rabbia dei cittadini, inducendoli a credere che i loro problemi nascano dalla moneta europea, e non come sarebbe invece giusto dire, dal fatto che la sua creazione non è stata preceduta e nemmeno seguita da un processo d’integrazione politico-istituzionale, indispensabile a rendere logico e necessario l’avere una moneta comune in tasca. Viceversa, però, sbagliano – e sono molti – quelli che per sostenere la tesi opposta agli anti-euro, si limitano ad argomentare la posizione solo in base alla tesi che l’uscita è tecnicamente complicata per non dire impossibile. Non perché questo non sia vero, ma perché non basta a convincere i cittadini che la risposta giusta debba essere la creazione degli Stati Uniti d’Europa.
 
No, occorre offrire una prospettiva vera di cambiamento, ma l’unica proposta di questo segno che circoli non viene dai partiti e non è oggetto di campagna elettorale, ma è stata lanciata dalla Fondazione Einaudi, e noi di Terza Repubblica la sposiamo: l’idea di un’Assemblea Costituente Europea, che rilanci ed acceleri il processo di integrazione federale, dandogli una decisiva certificazione democratica. Se l’Europa è in crisi è per l’incompiutezza della sua integrazione. La ricetta, dunque, è più Europa, e non meno Europa. Ma, purtroppo, non è all’ordine del giorno di queste elezioni. 
 
Ma è soprattutto per motivi interni che occorre archiviare al più presto queste maledette elezioni. Esse, infatti, hanno condizionato la partenza del governo Renzi – tutto intento a conquistare quanto più consenso possibile, visto anche che il suo arrivo a palazzo Chigi non è transitato attraverso una consultazione popolare – e a maggior ragione rischiano di condizionarne il proseguo dal 26 maggio in poi se il risultato del voto dovesse essere, come temiamo che sia, un tripudio per il populismo radicale di Grillo. Ed è anche per questo che occorre che Renzi compia un salto di qualità già in questi ultimi giorni di campagna elettorale. Il presidente del Consiglio dia per persa la battaglia con il comico genovese sul terreno della demagogia, cambi registro e si lanci nella descrizione di un programma che, pur senza apparire “lacrime e sangue”, non sia un libro dei sogni. Parta, Renzi, dalla constatazione che la ripresa non c’è e che, a parità di politiche, non ci sarà.
 
La colpa, ovviamente, non è sua, ma presto ne sarà corresponsabile se non avrà la capacità di parlar chiaro al Paese – basta con le luci in fondo al tunnel, please – e di indicare un programma ben più incisivo di quello, un po’ troppo elettorale (gli 80 euro), fin qui descritto. Soprattutto, se non darà subito questa sterzata, si ritroverà a giugno in un clima politico a dir poco infuocato, con i “rottamati del suo partito che rialzano la testa, e magari con il presidente della Repubblica sull’uscio del Quirinale. E i leader politici, specie quelli che hanno la presunzione di essere invincibili, fanno presto a cadere.
 
 
I due llusionisti
 
Nella grande stampa italiana (la cui proprietà come è noto da sempre è nelle mani di banchieri e industriali che guadagnano producendo beni diversi dai giornali e dai libri)  si continua a leggere che è arrivata la stagione del rinnovamento: più soldi in tasca ai cittadini (ma non a tutti) cura dimagrante per i partiti, burocrazia più snella. Purtroppo la realtà è quella dello scorrere di giorni, settimane, mesi, tutti uguali dove tutto sembra cambiare ma è sempre e solo apparenza condita da chiacchere prima in volgata meneghina e ora toscana.
 
E' una logica lineare. Con questo Pd controllato dal presidente del consiglio Matteo Renzi, venuto a patti con l'ex cavaliere  Silvio Berlusconi, condannato con sentenza definitiva per avazione fiscale, che paga e plasma un partito Forza italia (per altri Farsa italia) secondo i propri interessi e convenienze e votato da milioni di italiani (ancora per quanto tempo?),  non potranno mai arrivare cambiamenti di sostanza.
 
Il motivo è presto detto. Entrambi, Renzi  e Berlusconi, sono portatori di interessi economici che possono sopravivere solo in un ambiente dove non c'è competizione, dove tutto è opaco, dove nulla è definito;  dove non ci sono responsabilità personali a partire dai bilanci delle società per cui attualmente si possono anche falsificare senza temere di andare in carcere perché il reato è stato depenalizzato con una modifica di legge voluta proprio da Berlusconi. 
 
Da questi due esponenti non sentiremo mai parlare ad esempio della necessità di ridurre del 50% il costo della bolletta energetica entro 5 anni; di sostenere la ricerca nel settore delle fonti energetiche alternative con almeno 2  miliardi di euro di investimenti ogni anno per dieci anni; di strappare le regioni meridinali al controllo della criminalità organizzata; di far pagare le tasse al mondo delle slot machine che stanno rovinando decine di migliaia di famiglie con costi pesantissimi per l'erario.
 
Si dirà: e allora? Siamo già in tocchi. Si andrà avanti  fino al botto finale tipo Grecia. E il movimento di Grillo? A nostro avviso ha buone possibilità di scardinare il sistema ormai in metastasi che infetta tutto e tutti, aria inclusa. Poi, è il nostro auspicio, dovrà arrivare un nuovo partito, con uomini nuovi, rigorosamente laico ed europeista, per inseminare con un nuovo Risorgimento l'Italia e l'Unione Europea.
 
Nel frrattempo però dovranno cambiare e in fretta anche gli industriali (di cui si spera l'estinzione dei capitani coraggiosi a suo tempo presentati dall'ex cavaliere come degli premi Nobel quando si oppose alla vendita di Alitalia alla Francia). Capitani talmente coraggiosi che hanno fatto debiti su debiti con i soldi degli altri e che ovviamente dovremo pagare tutti noi. Industriali che sono anche loro fuori dalla storia. Basta frequentare i loro convegni o partecipare alle riunioni delle loro associazioni di cateoria in giro per l'Italia. Una disperazione per la pochezza di idee.
 
Infine i sindacati. Sulla necessità di vivere in un mondo del lavoro  codificato da diritti e doveri equi siamo tutti d'accordo. Però per loro (Cgil in particolare) è arrivato il momento di  abbandanare la visione ottocentesca della lotta di classe e considerare la compartecipazione agli utili aziendali con oneri ed onori, come accade in altre parti del mondo dove obiettivamente si sbarca il lunario in modo molto più decente rispetto al quello che accade nel nostro illusorio Bel Paese infarcito di effetti speciali. Parafrasando il grande allenatore di calcio, Vujadin Boskov ci viene da dire: meglio perdere 80 euro oggi in un colpo solo, che 80 euro al mese per i prossimi dieci anni come accadde nel 2001 con  l'aumento delle pensioni a 500 euro fatto dal governo Berlusconi. (upiv)
 
 
 
 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

 

  

SR Cop Novembre20

N. 11 Novembre 2020

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 La Scatola  
pagina di Satira in Veneto 
Novembre 2020

la Scatola3 15nov20

 

 Cronaca

Segnalazione sito che si occupa di COVID-19

05.11.20 - Gestione emergenza Covid-19 e punto morto dei decreti attuativi

17.09.20 - Verona. Cancro del pancreas, scoperto un nuovo biomarcatore

 

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 

 

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2020

vignetta corriere.it Giuseppi 301120

Corriere.it  30.11.20

vignetta italiaoggi.it Pupazzopio 301120 

Italiaoggi.it  30.11.20

 vignetta esrep Tempo 301120

espresso.repubblica.it   30.11.20

 vignetta heos.it Disfunzione 301120

Heos.it   30.11.20

    

In libreria

 Libri Helgoland Rovelli

 25.09.20 - "È come se non esistesse..."

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

ambiente delfini in veneto

31.03.20 - Veneto, a fine febbraio avvistati alcuni delfini ad Albarella

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra