? Opinioni - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Analisi irrituale del voto
 
di Enrico Cisnetto
 
C’è un elemento che rende il risultato delle elezioni europee al tempo stesso banale e straordinario. Lo spunto lo offre la consueta analisi sui flussi elettorali svolta dall’Istituto Cattaneo, che analizzando il travaso dei voti tra le ultime elezioni politiche e quelle europee di domenica ci informa che i due milioni e mezzo di voti che il Pd di Renzi ha preso in più rispetto al Pd di Bersani provengono in grandissima parte da Scelta Civica (crollata da poco meno di 3 milioni a nemmeno 200 mila voti), e solo marginalmente dagli elettori che non hanno più votato le ex componenti del vecchio Pdl (Forza Italia e Fratelli d’Italia) e da quelli che hanno abbandonato 5stelle, visto che i voti che Berlusconi e Grillo hanno perso per strada sono andati ad aumentare l’astensionismo. 
 
Questo elemento, da un lato, svuota, o quantomeno riduce, di significato certe analisi un po’ affrettate, offerte a caldo dalla gran parte dei commentatori, sull’epocalità della vittoria di Renzi, facendo scattare paragoni impropri con De Gasperi e facendo immaginare che finalmente l’Italia è diventata di sinistra. Analisi figlie dello choc – questo sì di tutti, a cominciare dagli stessi protagonisti della contesa – destato dal fatto che non solo il temuto sorpasso dei pentastellati sul Pd non c’è stato, ma che alla fine il distacco era quasi del doppio. 
 
Da qui si è fatto discendere l’idea che chi aveva abbandonato Grillo (3 milioni, più le centinaia di migliaia di nuovi elettori che alla vigilia si ipotizzava lo votassero, portandolo intorno al 30%) si fosse rifugiato in Renzi per la paura della paventata clamorosa vittoria di Grillo. Non è così. Non è la paura di Grillo che ha reso vittorioso Renzi, bensì la speranza. Ma attenzione: non genericamente la speranza che questo Governo porti il paese fuori dalla crisi, come lo stesso presidente del Consiglio ha detto. Non che quel tipo di attesa non ci fosse e non ci sia – c’è anche in chi non ha votato per le forze di maggioranza – ma qui si tratta d’altro. Ed è proprio questo “altro” a rendere quella di Renzi una straordinaria opportunità, di quelle da prendere o lasciare (nel senso che non ricapiterà una seconda volta, se questa fosse buttata alle ortiche). 
 
Stiamo parlando della speranza che Renzi archivi definitivamente il vecchio Pd erede del Pci e dei suoi discendenti, e con esso tutta quella modalità di essere “di sinistra”, racchiusa nell’ostentazione di un senso di superiorità intellettuale e morale che l’intellighenzia ha sempre sbattuto in faccia a chi ha ritenuto antropologicamente “inferiore”. Questo è, insieme al saper governare bene, quello che quei milioni di elettori “non di sinistra” ma neppure scioccamente destrorsi chiedono a Renzi: rendi votabile il tuo partito, e noi ti daremo la forza elettorale per governare stabilmente il Paese, una forza che non abbiamo dato neppure alla vecchia Dc – se non a quella dell’immediato dopoguerra, la quale seppe farne così buon uso che pur potendo governare da sola volle intelligentemente vicino a sé i partiti laici – né tantomeno al “dividente” Berlusconi.
 
 E sì, perché ciò che ha di rivoluzionario il voto di domenica è proprio questo: aver messo nello stesso mazzo progressisti – tranne i radical chic che hanno scelto Tsipras, che è bene stiano per conto loro – e moderati. Non in una coalizione, ma nello stesso partito. È da questo che Renzi deve ripartire, per consolidare questa tendenza che, ripetiamo, se non adeguatamente coltivata, potrebbe rivelarsi irripetibile. Saprà farlo? La modestia, la capacità di ascoltare e riflettere, il rifiuto di ogni populismo, l’anticonformismo non ostentato, sono gli ingredienti metodologici necessari. 
 
TerzaRepubblica si conferma intenzionata, come lo è stata fin dal primo giorno di Renzi a palazzo Chigi, ad interpretare il ruolo di pungolo, di soggetto che esercita la critica costruttiva. Già dalla prossima newsletter – dopo questa edizione straordinaria di commento al voto – entreremo nel merito delle cose da fare. Pragmaticamente.
 
 
 
Domenica prossima un voto di frattura
per una nuova convivenza civile
 
L'Italia per ripartire ha bisogno di una profonda, completa e netta  frattura con il passato con il perdonismo, con il garantismo e tutti gli stupidi "ismi" e "ista" da imbroglioni d'intelletto e di portafoglio.  Da vent'anni ci sentiamo ripetere "faremo" , "provvedremo", "rilanceremo" ecc. ecc.. E nel frattempo sono passate le leggi più liberticide per la prosperità di un libero mercato come non si è mai visto in tutto il mondo occidentale. Con il risultato che oggi  tutto è relativo. Il falso in bliancio ad esempio è punito con un buffetto amministrativo; e dopo ci chiediamo come mai personaggi inquisiti e condannati nella tangentopoli di vent''anni fa ce li ritroviamo nuovamente a trescare, imbrogliare, arricchirsi e non pagare le tasse.
 
Che tutto cambi purché  nulla cambi ancora una volta, è il messaggio subliminale. Siamo dentro ad un mercato assistenzialista come nella ex Unione sovietica. Prosperano sono le aziende di stato o quelle psuedo liberiste che non falliscono solo perché i soldi arrivano grazie ai favori dei capobastone politico. Anche della cosìdetta grande stampa controllata da banche, assicurazioni, gruppi industriali non se ne può più. E lo stesso si deve dire per televisione pubblica scientificamente lottizzata tra i partiti che controllano rigidamente ogni tipo di informazione e di cui paghiamo pure il canone.  No grazie. Di tutto questo non ne vogliano più sapere. Ma devono essere i giovani a ribellarsi perché il futuro è loro. Però devono essere giovani nella testa, nelle sinapsi e neuoroni, non nella carta d'identità. Altrimenti continueranno a vivacchiare male, in un continuo presente, per ritrovarsi improssivamente vecchi e senza pensione.
 
Ecco perché c'è urgenza di una frattura completa e netta con il passato. Anche in Europa vanno ridisegnate le regole per avere, si badi bene, più Europa. Sarebbe un errore storico colossale abbandonare l'euro che va ricalibrato e tornare all'Europa delle piccole nazioni, premessa di una nuova guerra da 50 milioni di morti. Domenica prossima andiamo a votare per l'Europa ma il pensiero va alla situazione interna nostrana ed è qui in casa nostra che c'è bisogno urgente di rompere definitivamente con il passato se vogliano iniziare a costruire le basi di una nuova convivenza. Disfattismo? Magari lo fosse, purtroppo è prendere atto della realtà in cui vivamo ogni giorno. (upiv)

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

 

  

SR Cop Novembre20

N. 11 Novembre 2020

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 La Scatola  
pagina di Satira in Veneto 
Novembre 2020

la Scatola3 15nov20

 

 Cronaca

Segnalazione sito che si occupa di COVID-19

05.11.20 - Gestione emergenza Covid-19 e punto morto dei decreti attuativi

17.09.20 - Verona. Cancro del pancreas, scoperto un nuovo biomarcatore

 

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 

 

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2020

vignetta corriere.it Giuseppi 301120

Corriere.it  30.11.20

vignetta italiaoggi.it Pupazzopio 301120 

Italiaoggi.it  30.11.20

 vignetta esrep Tempo 301120

espresso.repubblica.it   30.11.20

 vignetta heos.it Disfunzione 301120

Heos.it   30.11.20

    

In libreria

 Libri Helgoland Rovelli

 25.09.20 - "È come se non esistesse..."

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

ambiente delfini in veneto

31.03.20 - Veneto, a fine febbraio avvistati alcuni delfini ad Albarella

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra