Bologna.  Martedì 11 marzo Centro Sociale G. Costa conferenza degli archeologi
Si ricostruisce la domus di Claterna 
e la “Casa del Fabbro” come duemila anni fa
 
L'area archeologica di Claterna (foto civitasclaterna.org)
 
 
Nell’incontro in programma martedì 11 marzo alle 21 al Centro sociale Costa, in via Azzo Gardino a Bologna, l'archeologo dell'Associazione Civitas Claterna, Maurizio Molinari, illustrerà le recenti opere di valorizzazione del settore 11 del sito di Ozzano dell’Emilia, dove si stanno riproducendo mattoni in argilla cruda, graticci, intonaci e piani pavimentali con le stesse tecniche praticate in antico, e ricostruendo gli alzati anche riutilizzando mattoni sesquipedali e laterizi originali recuperati in altri scavi.
L'intervento sarà preceduto da quello dell'archeologa della Soprintendenza Paola Desantis, direttore dell’area archeologica di Claterna, che parlerà delle problematiche del sito e della storia degli scavi, ripresi sistematicamente nell'ultimo decennio. 
 
L’archeologo Claudio Negrelli, responsabile Scientifico dell’Associazione Civitas Claterna, dal canto suo illustrerà quanto emerso dagli ultimi scavi nel settore 11 di Claterna e le caratteristiche del progetto triennale promosso dalla stessa Associazione e dalla Soprintendenza, in collaborazione con l'Università di Venezia e con il sostegno di CRIF Spa (il principale tra i molti sponsor del progetto), che ha portato alla proposta di ricostruzione della casa romana qui ritrovata. 
La restauratrice della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna, Antonella Pomicetti, responsabile della conservazione dei rinvenimenti nella città, approfondirà le problematiche del restauro delle strutture e dei materiali riemersi dagli scavi di Claterna.
 
La conferenza fa parte del ciclo “Comunicare l’archeologia”, promosso dal Gruppo Archeologico Bolognese. Anticipa i temi che saranno oggetto delle Giornate FAI di quest'anno, in programma su tutto il territorio nazionale sabato 22 e domenica 23 marzo, dedicate all'Imperatore Augusto di cui ricorre il bimillenario della morte avvenuta a Nola nel 14 e.v. (era volgare).  In occasione delle Giornate Fai sarà inaugurato e aperto al pubblico il nuovo allestimento del sito di Claterna (Ozzano dell’Emilia), con visite guidate in italiano e inglese a cura degli archeologi della Soprintendenza per i beni archeologici dell'Emilia-Romagna e dell’Associazione Civitas Claterna.
 
Vedi   http://www.archeobologna.beniculturali.it/ 
 http://www.civitasclaterna.org/
 
Regalati o regala un abbonamento a Heos.it