Scoperto il virus
 della “stupidità” 
 
Scoperto un batterio chiamato ATCV-1,simile al “chlorovirus” delle alghe e subito ribattezzato come il “virus della stupidità” perché è presente in persone e animali di laboratorio caratterizzati da un più basso quoziente intellettivo. 
 
L'individuazione del batterio è avvenuta casualmente da parte di un gruppo di ricercatori delle università americane Johns Hopkins School of Medicine  di Baltimora (Maryland)  e Nebraska - Lincoln mentre stavano analizzando campioni di culture della gola di un gruppo di individui sani nel corso di un esperimento non relativo all'intelligenza. Secondo gli studiosi  il virus potrebbe influenzare l'attività di geni delle aree cerebrali responsabili per la memoria ed altre funzione intellettive.