Sabbioneta, l’Atene dei Gonzaga 
tra i fiumi Po e Oglio
 
 

Sabbioneta e la sua cinta muraria

 
 
 
Sabbioneta è un comune di  circa 4.340 abitanti della provincia di Mantova. Denominata la “piccola Atene” dei Gonzaga, fu fondata da Vespasiano Gonzaga Colonna  tra il 1554 e il 1591.  Posta su un terreno alluvionale tra i fiumi Po e Oglio, lungo il tracciato dell'antica via Vitelliana, occupava una posizione strategica nel cuore della Pianura padana. Per Vespasiano Gonzaga, Sabbioneta doveva essere in primo luogo una fortezza e la potenza del suo circuito murario la rendevano sicuramente, a quei tempi, uno dei più muniti baluardi della Lombardia del dominio spagnolo.
 
Sabbioneta fu soprattutto la capitale di un piccolo stato posto tra i grandi stati regionali: il Ducato di Milano ad ovest, retto in quell'epoca dal governatorato spagnolo, il Ducato di Mantova ad est oltre il fiume Oglio, governato dalla linea primigenia dei Gonzaga, cugini di Vespasiano, e il Ducato di Parma e Piacenza a sud del Po, di dominio della casata Farnese, solidale e amica dello stesso Gonzaga. Il territorio del piccolo stato di Sabbioneta era principalmente concentrato lungo la propaggine orientale della diocesi di Cremona e costituiva un obbligato crocevia sia per i traffici commerciali nel medio corso del Po, sia per le comunicazioni tra Brescia e l'Emilia. 
 
 
Articolo completo su Heos.it settimanale pdf in Abbonamento