L’ISS partecipa ad un progetto europeo per analizzare 
che cosa c’è nel pasto degli italiani
Contaminanti
e sicurezza alimentare in tavola
 
 
 
Ogni giorno quando mangiamo siamo esposti a contaminanti. Però non sappiamo a cosa siamo esposti e in che misura. A queste domande hanno tentato di rispondere varie indagini scientifiche che si sono susseguite negli anni basandosi sull’analisi dei singoli alimenti e trovando di volta in volta tracce di metalli pesanti, residui di pesticidi, di diossine e altre sostanze nocive. In assenza tuttavia di metodi di misurazione e di valutazione dell’esposizione condivisi e standardizzati. 
 
Ora, per la prima volta, un progetto europeo - denominato TDS-Exposure e che coinvolge 19 Paesi tra cui l’Italia rappresentata dall’Istituto Superiore di Sanità - intende perfezionare e standardizzare il monitoraggio della nostra esposizione a contaminanti chimici e della nostra assunzione di nutrienti, ma anche di altri componenti alimentari finora poco studiati.
 
Articolo completo su Heos.it settimanale pdf in Abbonamento