Potrebbe aver giocato un ruolo di primo piano
nell'evoluzione del linguaggio  
FoxP2,  il “gene della  lingua”
rende i topi più intelligenti
 
 
È stato chiamato il “gene della lingua” ed ora si scopre come funziona. Iniettato nei topi la versione umana del gene FOXP2, adesso gli scienziati iniziano a capire come si è evoluto il linguaggio nei primi esseri umani. I topi con il gene in questione sembrano imparare meglio a fare un compito automaticamente o inconsciamente. I ricercatori sostengono che il gene FOXP2 potrebbe aiutare a comprendere come i bambini iniziano a parlare in quanto ci dà il controllo inconscio sulle nostre labbra e della lingua.
 
FOXP2 è il gene che potrebbe aver giocato un ruolo di primo piano nell'evoluzione del cervello umano. È stato scoperto nel 1990 e chiamato KE mentre si studiavano le cause delle gravi difficoltà di parola di una famiglia britannica. Cause imputate ad una mutazione proprio in questo gene. FOXP2 è stato trovato per codificare un “fattore di trascrizione”, una proteina che regola l'attività di altri geni.
 
Articolo completo su Heos.it settimanale pdf in Abbonamento