Scarti di silicio per strumenti 
di alta qualità
 
 
Messa a punto una innovativa tecnologia automatizzata per rilevare i difetti, ripararli e riutilizzare il Silicio (Si) per altri prodotti simili permettendo nel contempo notevoli risparmi  sui costi alla produzione. Il silicio come è noto viene ampiamente utilizzato per produrre celle fotovoltaiche (FV). Il silicio è un materiale dispendioso e i wafer di Si cristallino sono i componenti più cari associati alla produzione di pannelli solari. Perciò, i difetti durante la produzione possono causare grossi scarti, comportando grandi perdite finanziarie per le numerose piccole e medie imprese (PMI).
 
 Gli scienziati mirano a sviluppare una tecnologia laser innovativa per riparare le celle e i wafer di silicio difettosi o rotti grazie al finanziamento UE del progetto REPTILE (“Repairing of photovoltaic wafers and solar cells by laser enabled silicon processing”). Il Si recuperato sarà usato per prodotti FV economici di alta qualità per un settore in crescita che richiede celle FV piccole, semi-trasparenti o dalla forma personalizzata. 
 
Articolo completo su Heos.it settimanale pdf in Abbonamento