L'elettrone 
 
 Il termine elettrone deriva dalla parola greca electron, il cui significato è ambra.Storicamente il nome è dovuto al fatto che l'ambra ebbe un ruolo fondamentale nella scoperta dei fenomeni elettrici. Gli antichi Greci, per esempio, a partire dal VII secolo p.e.v. con Talete erano a conoscenza del fatto che strofinare con un panno di lana un pezzo di ambra o ebanite forniva all'oggetto la capacità di attirare corpuscoli leggeri, quali granelli di polvere. 
Queste evidenze furono riprese nel XVI secolo da William Gilbert che individuò numerose sostanze, come il diamante e lo zolfo, che presentavano lo stesso comportamento. Egli diede poi il nome di forza elettrica alla forza che attirava i corpuscoli, e chiamò elettrizzati quei materiali che manifestavano questa proprietà. La parola elettrone è una combinazione della parole elettrico e del suffisso -one, che sarà successivamente utilizzato per designare le particelle subatomiche, come il protone o il neutrone. Nikola Tesla realizzò nel 1893 la prima trasmissione a distanza tramite le onde radio e nel 1901 Guglielmo Marconi la prima trasmissione del telegrafo senza fili attraverso l'Atlantico. Da tali principi avrà origine la radio (prime trasmissioni regolari nel 1922).