Verucchio: da centro villanoviano,
etrusco e romano a culla dei Malatesta
 
 

Verucchio, la Rocca Malatestiana
 
Verucchio sorge nella vallata del Marecchia che domina da posizione rialzata e strategica. Siamo nella provincia di Rimini. In questo comune di circa diecimila abitanti troviamo testimonianze della civiltà villanoviana, etrusca e romana. Sempre al centro della scena che riprende nel medioevo  con i Malatesta.  
L'origine di Verucchio risale a tempi molto antichi. Le campagne di scavo iniziate nel 1893-1894, riprese negli anni '70 del Novecento, e più recentemente nel 2005, hanno restituito oltre 600 sepolture databili tra il X e il VII secolo prima delll’era volgare (p.e.v.). 
 
I ricchi corredi funerari, (monili, fibule, vestiario, vasellame, armi, finimenti per cavalli) e le complesse attività rituali, consentono di riconoscere nelle tombe una manifestazione della Civiltà villanoviana, per alcune correnti di pensiero attribuita agli Etruschi, da altri considerata una realtà distinta e legata a situazioni locali diverse e specifiche. Verucchio rappresentava durante l'età del ferro un punto centrale nel controllo delle rotte adriatiche che collegavano la Grecia, l'Oriente e l'Europa Centrale. Inoltre il letto ampio del Marecchia offriva un attracco sicuro e adatto alle navi che risalivano il fiume, tanto che questo tratto venne chiamato il “piccolo mare”. 
 
Articolo completo su Heos.it settimanale pdf in Abbonamento