? 2020/06/16/Ambiente/Ibridazione lupo-cane, un rischio per la biodiversità in Europa - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

La scoperta è stata fatta da una squadra di ricercatori di ENEA, CNR e Università Sapienza di Roma

Mar Artico, allarme

microplastiche: contaminati

i crostacei

enea artico microplastiche

28.07.20 - Mar Artico: un tempo era uno dei luoghi più intatti del pianeta. Adesso, invece, i crostacei che vivono in quelle acque sono contaminati dalle microplastiche...


Gli esperimenti sono stati eseguiti all’Istituto nazionale di ottica del Cnr. Svelate alcune proprietà fondamentali rimaste finora sconosciute a causa delle forti correlazioni quantistiche tra le particelle

Supercorrenti atomiche

scorrono oltre la barriera

senza resistenza

 Cnr giunzione superfluida

27.07.20 - L’esperienza quotidiana insegna: un fluido non può passare da un recipiente ad un altro attraversando la parete frapposta ai due. Eppure...

 L'allarme arriva da uno studio internazionale con l'Italia capofila

Ibridazione lupo-cane,

un rischio

per la biodiversità in Europa

uniroma1 Ibrido maculato

Nella foto, ibrido maculato tra lupo e cane (credits: L. Boitani)

 

16.06.20 - Rischio di perdita dell’identità genetica delle popolazioni di lupo per effetto dell’ibridazione con il cane. L'allarme è contenuto in uno studio internazionale che è stato pubblicato sulla rivista Biological Conservation.

Il cane è un animale domestico associato all'uomo ma in condizioni ecologiche degradate può accoppiarsi con il lupo e produrre ibridi fertili. Questo fenomeno, se diffuso e con frequenza elevata, potrebbe portare alla perdita dell’identità genetica delle popolazioni di lupo, rischiando di condizionare l’ecologia, l’aspetto esteriore e il comportamento della specie, nonché i valori socioculturali e di conservazione a essa associati.

Grazie agli sforzi di conservazione che si sono susseguiti negli ultimi decenni, come la protezione legale e la tutela degli habitat naturali, il lupo ha spontaneamente ricolonizzato molte aree in Europa da cui era scomparso all'inizio del secolo scorso. Tale espansione però sta portando il lupo a stabilirsi in aree rurali in cui le probabilità d’interazione con i cani sono più elevate. Allo stesso tempo, da una parte il bracconaggio e, dall'altra, il controllo numerico delle popolazioni di lupo, nei paesi dove consentito, possono portare alla dissoluzione sociale dei branchi aumentando la probabilità di accoppiamenti misti.

La ricerca, guidata da Valeria Salvatori dell'Istituto di Ecologia applicata di Roma e supervisionata da Paolo Ciucci del Dipartimento di Biologia e biotecnologie dell'università Sapienza di Roma, ha coinvolto anche diversi esperti internazionali che hanno documentato, nei paesi di propria competenza, l’eventuale presenza di ibridi e le risposte gestionali attuate. Lo studio, ha evidenziato che ibridi tra lupo e cane sono presenti in tutte le popolazioni lupine d’Europa e che molti paesi, compresa l’Italia, non stanno intervenendo per monitorare né contrastare il fenomeno, come invece prescritto da trattati legalmente vincolanti a livello internazionale, come la Direttiva Habitats e la Convenzione di Berna.

Nella maggior parte dei paesi presi in esame, gli ibridi rappresentano ancora una piccola porzione della popolazione di lupo e ciò rende possibile programmare e realizzare interventi efficaci di prevenzione e controllo. Ciò che la ricerca ha però messo in luce è la mancanza di protocolli o standard operativi di riferimento a livello internazionale, che sono invece necessari per indirizzare gli interventi.

Dallo studio sono emersi ulteriori aspetti che destano preoccupazione negli esperti. In primo luogo, la mancanza di un monitoraggio sistematico dell’ibridazione in molti paesi europei, Italia inclusa, rende difficile la rilevazione dei casi e gli eventuali interventi per evitarne la diffusione su ampia scala. In secondo luogo, la mancanza di tecniche di analisi confrontabili tra laboratori per identificare geneticamente gli ibridi fa sì che, ad oggi, lo stesso individuo potrebbe essere riconosciuto come ibrido o come lupo a seconda del laboratorio in cui vengono svolte le analisi sui campioni biologici. Questa eterogeneità non facilita un’adeguata analisi e mitigazione del fenomeno, sia a livello nazionale sia comunitario.

"Gli ibridi tra lupo e cane – spiega Paolo Ciucci – sono fertili e a loro volta possono reincrociarsi con i lupi, diffondendo, con il progredire delle generazioni di reincrocio, varianti genetiche tipiche del cane all'interno del genoma lupino. Questo pone la questione di come stabilire una soglia oltre la quale gli ibridi non sono più da considerare come tali. In questi termini, non esiste ad oggi una definizione di ibrido che sia stata accettata a livello internazionale ed è questa la cosa più urgente da cui partire per poter dare risposte concrete sul fronte gestionale".

In conclusione, gli autori della ricerca suggeriscono di includere nei trattati internazionali indicazioni più chiare sulla gestione degli ibridi e dei cani vaganti, evidenziando che gli ibridi tra lupo e cane vanno comunque protetti per legge e la loro gestione affidata alle sole autorità competenti. Il fine è di evitare che avvengano casi di bracconaggio sul lupo, camuffati da interventi gestionali sulla base dell’incerta identificazione di individui ritenuti ibridi. (red)

Riferimenti

European agreements for nature conservation need to explicitly address wolf-dog hybridization - Valeria Salvatori, Valerio Donfrancesco, Arie Trouwborst, Luigi Boitani, John D.C.Linnell, Francisco Alvares, Mikael Åkesson, Vaidas Balysh, Juan Carlos Blanco, Silviu Chiriac, Dusko Cirovic, Claudio Groff, Murielle Guinot Ghestem, Djuro Huber, Ilpo Kojola, Josip Kusak, Miroslav Kutal, Yorgos Iliopulos…Paolo Ciucci - Biological Conservation (2020)  https://doi.org/10.1016/j.biocon.2020.108525 

Vedi
www.uniroma1.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

 

  

SR Copertina lug20

N. 07 Luglio 2020

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

 

 Cronaca

08.06.20 - Dieci incursioni nella storia dell’Universo

19.05.20 - La storia della giovane istriana - medagli d'oro al merito civile - sequestrata, stuprata e gettata in una foiba nell’ottobre 1943 dai partigiani comunisti slavi 
Aperte le celebrazioni nel centenario della nascita di Norma Cossetto

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2020

vignetta corriere.it Al verde 040820

Corriere.it  04.08.20

vignetta italiaoggi.it In osteria 050820

Italiaoggi.it  05.08.20

 vignetta ilfq Fantaodori 050820

ilfattoquotidiano.it   05.08.20

vignetta heos.it Tuttocomeprima 050820

 Heos.it   05.08.20

    

In libreria

 libro I mostri Calenda

 17.07.20 - I mostri, come sconfiggerli

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

ambiente delfini in veneto

31.03.20 - Veneto, a fine febbraio avvistati alcuni delfini ad Albarella

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra