? Renzi sia più rivoluzionario se vuole allontanare il sospetto che sia solo un paraculo - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

 Renzi sia più rivoluzionario 
se vuole allontanare il sospetto 
che sia solo un paraculo
 
di Enrico Cisnetto
 
Lo abbiamo detto fin dall’inizio: faremo ogni sforzo per supportare Renzi, per facilitargli il successo, rendendo la più costruttiva possibile ogni nostra critica.Insomma, ci vogliamo credere. Non in lui, nella sua leadership. No, noi guardiamo alla politica e alle politiche, non agli uomini, che sono solo le gambe su cui camminano le idee (le buone e le cattive). Semmai vogliamo credere al suo governo come estremo tentativo, in questa fase di passaggio tra Seconda e Terza Repubblica, di costruire le basi di un nuovo sistema politico da offrire come prospettiva agli elettori quando saranno chiamati a dire la loro, anziché lasciarli in balia di fumosi (e inutili) personalismi contrapposti.
 
 
Già, ma detto che ci vogliamo credere, gli possiamo credere? Possiamo toglierci ogni ragionevole dubbio che il “rivoluzionario programma” del “mercoledì da leoni” enfaticamente annunciato dal presidente del Consiglio altro non sia che uno spot elettorale? Lo confessiamo: la tentazione di catalogare la manovra come un abile gioco di prestigio che consenta a Renzi di affrontare al meglio le elezioni europee e magari preparare il terreno per quelle politiche (a breve), è forte. Peraltro, il percorso è facilmente individuabile: sparata di slide che non sono neppure decreti, presentate come un tele-imbonitore; promesse di riduzioni di tasse e investimenti urgenti ed eticamente rilevanti; constatazione che i “cattivi” (Parlamento, Quirinale, Ragioneria, Bruxelles, Bce) gli impediscono di fare la “grande rivoluzione”; denuncia de “questo paese è ingovernabile” e relativa vittimizzazione; conseguente richiesta del voto al grido “se volete che governi datemi il 51%”. In fondo è un film già visto molte volte, negli due decenni. 
 
Tuttavia, non cadiamo in questa tentazione. E proviamo a guardare con il massimo della disponibilità, al limite dell’ingenuità, la manovra renziana. Nella quale c’è, allo stesso tempo, qualcosa di nuovo e molto di vecchio. Il nuovo è lo stile di Renzi, decisamente migliore di quello di Berlusconi seppure appartenente allo stesso seme. È il coraggio, come dimostra il benservito a Cgil (costretta a contorcimenti mai visti) e Confindustria (non considerata come mai era successo) senza però – per fortuna – commettere l’errore del centro-destra di voler teorizzare sul piano ideologico l’abbandono della concertazione. Il nuovo, infine, è il cambio di passo: non più quelli piccoli di Letta – insopportabili in una fase in cui il Paese esce dalla recessione senza riuscire ad imboccare la strada della ripresa vera e propria – ma un passo di carica, almeno all’apparenza.
 
Viceversa, il vecchio è l’approccio tutto emotivo della manovra varata, priva di un respiro strutturale e di una cornice strategica. Vecchio è il riproporsi della diarchia tra ministero dell’Economia e palazzo Chigi, che tante volte ha occupato con prepotenza la scena della politica italiana producendo danni nefasti. Insomma, abbiamo assistito ad un pirotecnico lancio di misure congiunturali costruite su basi d’argilla e verso le quali i custodi dei conti – a via Venti Settembre, al Quirinale, a Bruxelles – nutrono ampi dubbi e profonde perplessità. 
 
Renzi ha lanciato pochi provvedimenti solo normativi svincolati dalla necessità di risorse finanziarie (l’estensione del limite temporale dei contratti di lavoro senza vincolo di causalità da 12 a 36 mesi e alleggerimento dei limiti per l’apprendistato) e molti annunci aleatori la cui realizzabilità, a cominciare dal taglio dell’Irpef di 10 miliardi, dipende integralmente da coperture incerte e un po’ raffazzonate. Strutturare l’azione di rilancio del Paese su un “tesoretto” di 20 miliardi è o velleitario o deriva da una scarsa conoscenza di come stanno le cose, visto che ci vuole tra 10 e 20 volte tanto. Se poi si tratta di soldi la cui esistenza è tutta da verificare, peggio ci sentiamo. 
 
Sulla stessa spending review, strumento che in passato non a caso ha scontato diversi fallimenti, il commissario Cottarelli ha specificato che per il 2014 l’ipotesi è di recuperare 3 miliardi (e non 7), e tra l’altro solo a patto che i tagli partano immediatamente. È palese: siamo ancora nel campo delle ipotesi, come lo sono sia gli incassi dal rientro dei capitali dall’estero che i potenziali proventi iva derivanti da soldi spesi per l’edilizia scolastica o dal saldo dei debiti della pubblica amministrazione. Misure le cui norme sono ancora tutte da scrivere. Stessa situazione per il taglio del 10% dell’Irap, da finanziare con l’aumento dell’aliquota sulle rendite finanziarie dal 20 al 26%, che potrebbe anche indurre una fuoriuscita di capitali e rivelarsi controproducente. Per non parlare della scommessa sui 3 miliardi risparmiati dai minori interessi sul debito pubblico, visto che conosciamo la volatilità dei mercati e non esiste certezza al mondo che domani lo spread non torni a salire. 
 
Il premier ha limpidamente dichiarato di voler fare come Tremonti (quello che lanciò “la finanza creativa”): mettere a copertura il miglioramento futuro del quadro economico. Per adesso, tutto è rimandato al Def di fine marzo, che non sarà però l’unico controllo che il governo dovrà superare. Renzi sostiene, infatti, che altri 6,4 miliardi si potrebbero recuperare avvicinando il nostro rapporto deficit/pil all’invalicabile limite del 3% dal 2,6% che la Commissione europea stima sia oggi. 
 
Insomma, il (fu) rottamatore può indignarsi oggi quanto vuole contro chi gli domanda dove prenderà i soldi: vedremo cosa farà domani quando le domande, o i dinieghi, arriveranno da Bruxelles. Per non andare allo scontro frontale è possibile poi che arrivino i veti di Padoan e di Napolitano, garanti dei rapporti politici ed economici dell’Italia con l’Europa. Dopo i roboanti annunci, dunque, sono ora in programma una serie di prove ad eliminazione diretta in cui Renzi dovrà fare i conti con il Ministero dell’Economia e la Ragioneria di Stato, il Quirinale e il Parlamento, l’Unione europea e i mercati internazionali. E se anche, nel migliore dei mondi possibili, tutte le prove fossero superate, il gioco sarà valso la candela? Parliamoci chiaro: tagliare il cuneo fiscale del 3,4% (10 miliardi su 296,4) non può fare la differenza e 10 (o 20) miliardi, mentre non bastano per “rivoluzionare” l’Italia, potrebbero rivelarsi un buco incolmabile per i nostri conti pubblici. La crisi è un mix di fragilità reali e di sfiducia collettiva, e pensare che qualche euro in più ai lavoratori dipendenti generi automaticamente consumo è una pia illusione. Chi guadagna 1400 euro al mese, se riceve 80 euro in più, si guarda attorno, scruta i foschi orizzonti, respira un po’ di incertezza e mette quei soldi da parte per probabili emergenze future. Non sarebbe stato molto diverso se quei soldi fossero stati integralmente dirottati sull’Irap (una tassa talmente mal formulata che andrebbe abolita), visto che lo stesso clima di sfiducia e demoralizzazione lo vivono le imprese, che avrebbero trasformato in investimenti solo metà di quelle risorse. 
 
La scossa stilistica – basta con i piccoli passi – Renzi l’ha data. Ora serve il contenuto, che non è di qualche decina di miliardi di euro, ma semmai di qualche centinaia. Da ricavare da un piano Marshall di finanza straordinaria – che metta in gioco il patrimonio pubblico e chieda il soccorso di quello privato (senza intenti punitivi, anzi) – sulla base di un ripensato modello di sviluppo. Ben di più e di più complesso della presunta rivoluzione renziana. I critici, però, lo incoraggino ad andare avanti, ad essere “rivoluzionario” anche nelle riforme che tagliano (strutturalmente) la spesa improduttiva. Fare gli scettici non serve. Anche se è difficile dire che non ce ne sia motivo. 
 
 
 
 
 
 
 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

  

SR cop dicembre18

N. 12 Dicembre 2018

 Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica"
formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

Launching pad

GVR E Defalco cop canzone

06.11.18 - Da Verona una nuovo rapper: Krim presenta la sua "Rooftop"  (Ascolta la canzone)

 

 

News

09.11.18 - "Prof " a scuola di Fisica: primo corso per docenti "Pid" ai laboratori di Legnaro

cro new perspective

08.11.18 -  Roma. New Perspective: 21 artisti italiani a sostegno della ricerca contro il mieloma multiplo

ambiente iceberg rettangolari nasa

24.10.18 - Antartide, fotografati due grandi iceberg rettangolari

01.08.18 - L'intelligenza artificiale al servizio di giornalisti e lettori

Esa rover exomars2020

24.07.18 - Sarà lanciato dall'Esa il 24 luglio 2020 
Cercasi nome per il rover europeo che esplorerà Marte

17.07.18 - Roma. Quinta edizione, dal 18 al 21 Luglio

Mediterranean Youth Mathematical Championship

 tech cina drone spia forma uccello

26.06.18 - Cina, in azione stormi di colombe robotiche per la sorveglianza dal cielo

 

 Dossier Guerra Fredda

 

Auto Hy plug in ev

 

 

Politica
 
 

Vignette nel web - Raccolta 2018

vignetta corriere.it Il sogno 151218

Corriere.it   15.12.18

vignetta italiaoggi.it figuraccia 151218

Italiaoggi.it   15.12.18 

 vignetta ilfattoquotidiano.it il paracadutista 151218

Ilfattoquotidiano.it   15.12.18

vignetta heos.it mondo nuovo 151218

 Heos.it    15.12.18

 

In cauda venenum 

22.11.18 - Il paradosso delle tendenze anti-scientifiche

19.11.18 - La Campania "fa rotta" verso una completa economia circolare...

08.11.18 - Il governo del cambiamento fondato sul "rinvio" permanente diffuso

05.11.18 - Passi lunghi e ben distesi

31.10.18 - Il Governo del popolo dei sì e dei sempliciotti

29.10.18 - "Siamo sotto attacco" (ancora)

27.10.18 - Aria pesante da "5 Stalle"

24.10.18Gli evasori godono e la rivoluzione fiscale si  trasforma nella solita stangata

23.10.18 - Pendolari Fs: sguardo fisso nell'alto dei cieli

 

   

Regalati un libro

 

libro balena bianca racconta

22.11.18 - Una storia d'amore per la natura

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Immagini dal Mondo

geo neist point scotland 18.10.18 - Camminando a Waterstein Head

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra