Google X lavora alla  diagnosi

precoce del cancro

con nanoparticelle

 
I ricercatori del Life Sciences di Google X (una struttura molto riservata   gestita da Google Inc.) stanno lavorando alla creazione di particelle magnetiche capaci di perlustrare il corpo umano in cerca di cellule tumorali e di altre malattie. L'obiettivo è fornire un sistema di allerta precoce per le malattie in modo da intervenire con un trattamento più efficace, passando così dalla medicina reattiva a quella proattiva. 
 
Le nanoparticelle, grandi meno di un millesimo di un globulo rosso, sarebbero in grado di cercare ed attaccarsi a cellule, proteine o altre molecole all'interno del corpo umano, e sarebbero monitorate con un dispositivo indossabile dotato di un magnete per attrarle e contarle.  
 
Articolo completo su Heos.it settimanale pdf in Abbonamento