Fertilità prolungata con ovuli congelati 
 
I ricercatori del centro universitario Uz di Bruxelles in uno  speciale sul tema della fertilità pubblicato su Lancet, sostengono che sarebbe opportuno usare  le stesse tecniche per preservare la fertilità che ora si adottano per le donne che hanno un tumore anche per tutte quelle in salute, soprattutto se hanno intenzione di rinviare la gravidanza. 
 
La tecnica principale indicata dagli autori è il congelamento degli ovuli. L'altra tecnica più innovativa, proposta dagli autori è il congelamento e il successivo trapianto del tessuto ovarico. In questo caso però la procedura è più onerosa e complessa, ma permette di raccogliere molti più ovuli in minor tempo e  non c'è bisogno di fecondazione in vitro e la fertilità 15-20 anni dopo è la stessa del momento dell'intervento.
 
Regalati o regala un abbonamento a Heos.it