? Heos.it Rivista scienze politica cultura salute - 2021/12/13/scienze/medicina/Possibile arma contro l’Alzheimer: l'anticorpo monoclonale 12A12

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

L'innovativa struttura è stata realizzata da  ENEA, Cnr - Istituto di Scienze dell’atmosfera e del clima (ISAC) e Consorzio Proambiente, in collaborazione con la start-up tedesca Green City Solutions
 
 
22.11.22 - Immaginiamo una struttura mobile tipo arredo urbanistico ma che in realtà sia un filtro vegetale con un effetto potenziale pari a 275 alberi: ebbene c'è ed è operativa. Il gigantesco filtro si chiama City Tree

Le sofisticatissime analisi sono state condotte nei Laboratori nazionali del Gran Sasso
 
 
 
18.11.22 -  Un raro meteorite denominato Winchcombe, recuperato nell’area di Gloucestershire in Inghilterra a febbraio 2021, è stato sottoposto ad accurati esami da un gruppo di scienziati e scienziate dei Laboratori nazionali del Gran Sasso dell’INFN (LNGS-INFN). Scopo degli esami: dimostrare...

 

Lo studio è coordinato dall’Istituto di sistemi complessi e dall’Istituto di farmacologia traslazionale del Cnr in collaborazione con Irccs Fondazione S. Lucia e Fondazione Ebri

Possibile arma

contro l’Alzheimer: 

l'anticorpo

monoclonale 12A12

 

13.12.21 - L’alterazione della proteina Tau, che tende ad accumularsi nel cervello dei malati di Alzheimer e ad aumentare col progredire della malattia, oggi è classificata tra i principali processi neuropatologici della disfunzione. Come interrompere questa spirale? Un recente studio - pubblicato sull’International Journal of Molecular Sciences - ha mostrato l’efficacia dell’anticorpo monoclonale 12A12 contro questo processo. La ricerca è coordinata dall’Istituto di farmacologia traslazionale (Ift) e dall’Istituto dei sistemi complessi (Isc) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), al quale hanno collaborato l’Istituto di biomembrane, bioenergetica e biotecnologie molecolari (Cnr-Ibiom), la Fondazione e Clinica Irccs S. Lucia, la Fondazione Ebri, il Policlinico Universitario A. Gemelli e l’Irccs Fondazione Bietti.

«Lo studio preclinico che abbiamo condotto ha mostrato che l’anticorpo monoclonale 12A12 agisce contro un frammento tossico che si genera nella proteina Tau patologica, e così facendo produce un netto miglioramento e una regressione di alcuni deficit cognitivi di memoria, come quella spaziale o di riconoscimento, così come delle più gravi e importanti alterazioni neuropatologiche presenti in questa malattia», spiega Roberto Coccurello del Cnr-Isc.

L’importanza dei risultati raggiunti è data anche dalla modalità con cui sono stati ottenuti. Al riguardo Coccurello sottolinea: «Nello studio è stato utilizzato un modello murino non genetico della malattia di Alzheimer, che in quanto tale riproduce l’ampio ventaglio di caratteristiche neuropatologiche presenti nell’uomo nella forma non ereditaria della patologia, forma che rappresenta circa il 95% della totalità delle diagnosi di Alzheimer».

Non solo. Nel corso delle ricerche è stata studiata anche una tossina che induce il diabete. A questo proposito Giuseppina Amadoro del Cnr-Ift aggiunge: «Dati scientifici dimostrano che il rischio di sviluppare demenze e Alzheimer è maggiore in soggetti diabetici con instabilità glicemica e che un’alterazione della funzione dell’insulina nel cervello può innescare una serie di processi neuropatologici che ricalcano quanto osservato a livello neuroanatomico e molecolare nel cervello dei pazienti».

Questo anticorpo è stato sviluppato dal gruppo di ricerca coordinato da Pietro Calissano, a lungo collaboratore del premio Nobel Rita Levi-Montalcini, alla Fondazione Ebri. Incoraggianti i dati ottenuti con la metodologia usata. «Somministrando per tre settimane nei modelli murini di Alzheimer l’anticorpo monoclonale 12A12, che neutralizza la proteina Tau alterata, abbiamo potuto dimostrare un significativo recupero dei deficit cognitivi di memoria, una riduzione di Beta amiloide (altra proteina il cui accumulo nel cervello caratterizza l’Alzheimer) e un ristabilimento di meccanismi molecolari legati all’azione dell’insulina nel cervello, che hanno poi favorito processi riparativi sia dei mitocondri sia dello stress ossidativo», precisa Amadoro.

E sul passaggio alla sperimentazione clinica, così conclude Coccurello: «Lo studio conferma l’effetto neuro-protettivo dell’anticorpo 12A12, già precedentemente validato in modelli geneticamente modificati di Alzheimer, aprendo così la possibilità al passaggio alla sperimentazione clinica di fase 1 sull’uomo. Infatti, questi risultati rafforzano notevolmente il ruolo svolto dall’alterazione della proteina Tau come uno dei fattori patologici causa della malattia, mostrano la potenzialità offerta dalla sua neutralizzazione attraverso la terapia anticorpale ed estendono la loro influenza alla maggiore comprensione delle forme prevalenti della patologia, in cui spesso convivono disordini metabolici e declino cognitivo». (Red)

 Vedi

www.cnr.it

 

 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

 

  

N. 11 - Novembre 2022

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" in formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

La Scatola Maggio21
La Scatola
Foglietto di Satira in Veneto 
24 Maggio 2021 pdf

 

 Cronaca

03.08.22 - Notti d'agosto: con Saturno e le Perseidi
 

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 
17.02.22 - Immaginiamo: 5 anni fa...

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2022

Corriere.it    02.12.22

Italiaoggi.it    02.12.22

Ilfattoquotidiano.it    02.12.22

Heos.it    02.12.22

    

In libreria

 12.11.22  -  L’inizio della filosofia occidentale

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 


 

 

 


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Informazioni commercili
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra