? 27/07/2021/Spazio/astronomia/Da quel disco si potrebbe formare una luna intorno a un esopianeta - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Lo studio è stato condotto da AIRC all'Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia

Individuato un meccanismo

per “affamare” i tumori

03.09.21 - Scoperta una nuova variante proteica, espressa unicamente dai vasi sanguigni tumorali. È il risultato di uno studio sostenuto da AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) all'Istituto di genetica molecolare del Cnr di Pavia.


 Lo studio è stato sviluppato da alcuni ricercatori di tre istituti del Consiglio nazionale delle ricerche di Napoli (Isasi, Ibbc e Igb)

Un nanosistema trasportatore

contro il tumore al colon

29.07.21 - Sviluppato un nuovo nanosistema capace di trasportare e rilasciare gradualmente un farmaco, il galunisertib, nelle cellule tumorali del colon retto, e di misurarne la concentrazione per una corretta individuazione della terapia.

 PDS 70c orbita intorno alla sua stella a circa 400 anni luce dalla Terra

Da quel disco

si potrebbe formare una luna

intorno a un esopianeta

 

eso disco attorno a luna

Il disco osservato attorno all'esopianeta PDS 70c (credit: eso.org)

 

28.07.21 - Alcuni astronomi - utilizzando l'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA) situato nel deserto di Atacama in Cile - hanno rilevato per la prima volta la presenza di un disco intorno a un pianeta al di fuori del Sistema Solare. Le osservazioni aiuteranno a comprendere meglio come si formano le lune e i pianeti nei giovani sistemi stellari.

«Il nostro lavoro mostra una chiara identificazione di un disco in cui potrebbero formarsi dei satelliti», afferma su Eso.org, Myriam Benisty, ricercatrice dell'Università di Grenoble, in Francia, e dell'Università del Cile, alla guida del nuovo studio pubblicato su The Astrophysical Journal Letters. Aggiunge: «Le nostre osservazioni con ALMA sono state ottenute con una risoluzione così fine che abbiamo potuto identificare chiaramente che il disco è associato al pianeta e siamo in grado di definirne, per la prima volta, le dimensioni».

Il disco in questione, detto disco circumplanetario, circonda l'esopianeta PDS 70c, uno dei due pianeti giganti, simili a Giove, in orbita intorno a una stella distante quasi 400 anni luce dalla Terra. Gli astronomi avevano già trovato indizi di un disco in procinto di formare una luna intorno a questo esopianeta ma, poiché non potevano distinguere chiaramente il disco dall'ambiente circostante, non potevano confermarne l'esistenza - fino ad ora.

Non è tutto. Benisty e il suo gruppo hanno scoperto che il disco ha circa lo stesso diametro della distanza tra Sole e Terra e una massa sufficiente per formare fino a tre satelliti delle dimensioni della nostra Luna.

Risultati, tra l'altro, che non sono solo la chiave per scoprire come vengono formate le lune. «Queste nuove osservazioni sono anche estremamente importanti per dimostrare alcune teorie sulla formazione dei pianeti che non potevano essere verificate fino ad ora», sottolinea su eso.org,, Jaehan Bae, ricercatore dell'Earth and Planets Laboratory del Carnegie Institution for Science, USA, e tra gli autori dello studio.

I pianeti si formano in dischi pieni di polvere intorno a stelle giovani, e ne scavano cavità quando, per crescere, divorano materiale da questo disco circumstellare. In questo processo, un pianeta può acquisire il proprio disco circumplanetario, che contribuisce alla crescita del pianeta stesso regolando la quantità di materiale che vi cade sopra. Inoltre, il gas e le polveri nel disco circumplanetario possono unirsi in corpi progressivamente più grandi attraverso molteplici collisioni, portando infine alla nascita delle lune.

Tuttavia, gli astronomi non comprendono ancora pienamente il dettaglio di questi processi. «In breve, non è ancora chiaro quando, dove e come si formano i pianeti e le lune», spiega Stefano Facchini, borsista dell'ESO, altro protagonista nella ricerca.

«Finora sono stati trovati più di 4.000 esopianeti, ma tutti sono stati rilevati in sistemi evoluti. PDS 70b e PDS 70c, un sistema che ricorda la coppia Giove-Saturno, sono gli unici due esopianeti trovati ancora in fase di formazione», interviene Miriam Keppler, ricercatrice al Max Planck Institute for Astronomy in Germania e coautrice dello studio. Nonostante la somiglianza con la coppia Giove-Saturno, però, il disco intorno a PDS 70c è circa 500 volte più grande degli anelli di Saturno

PDS 70b e PDS 70c, i due pianeti che compongono il sistema, sono stati scoperti per la prima volta utilizzando il VLT (Very Large Telescope) dell'ESO rispettivamente nel 2018 e nel 2019 e grazie alla loro natura unica sono stati osservati con altri telescopi e strumenti molte volte da allora.

Le ultime osservazioni con ALMA ad alta risoluzione hanno ora permesso agli astronomi di acquisire ulteriori informazioni sul sistema. Oltre a confermare il rilevamento del disco circumplanetario intorno a PDS 70c e studiarne le dimensioni e la massa, hanno scoperto che PDS 70b non mostra prove chiare di un disco simile, cosa che suggerisce che la polvere sia stata sottratta al suo ambiente natale da PDS 70c.

Una comprensione ancora più profonda del sistema planetario sarà raggiunta con l'ELT (Extremely Large Telescope) dell'ESO, attualmente in costruzione sul Cerro Armazones situato anch'esso nel deserto cileno di Atacama. (Red.)

Vedi
www.eso.org 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

 

  

SR cop gen21

N. 09 Settembre 2021

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

La Scatola Maggio21
La Scatola
Foglietto di Satira in Veneto 
24 Maggio 2021 pdf

 

 Cronaca

20.05.21È il primo dei poli nazionali di trasferimento tecnologico 
L'università di Verona partner fondatore di RoboIT

gvr Cangrandedellascala

20.05.21 - Cangrande della Scala morì per una rara malattia genetica

L'indagine genetica ha messo fine alla teoria dell'avvelenamento durata secoli ed è stato anche "assolto" il suo medico curante che all'epoca fu accusato di avvelenamento e impiccato

26.01.21 - Online i siti 2021 per invio a ENEA dati Ecobonus e Bonus casa

 

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2021

vignetta corriere.it Mascherine 200921

Corriere.it   20.09.21

vignetta italiaoggi.it Lato debole 200921

Italiaoggi.it  20.09.21

vignetta ilfq Da leggere 200921

Ilfattoquotidiano.it   20.09.21

 vignetta heos.it Giochetti 200921

Heos.it   20.09.21

    

In libreria

Libro Viva il greco 

02.09.21 - Viva il greco, alla scoperta della lingua madre

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

ambiente delfini in veneto

31.03.20 - Veneto, a fine febbraio avvistati alcuni delfini ad Albarella

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra