? Heos.it Rivista scienze politica cultura salute - 2021/02/01/scienze/ambiente/Obiettivo: intercettare e misurare la grandine dal satellite

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Il quantum memristor è stato realizzato da un gruppo di fisici del Cnr, Politecnico di Milano e Università di Vienna
 
 
08.04.22 - Un neurone artificiale metterà insieme intelligenza artificiale e calcolo quantistico, schiudendo potenzialità senza precedenti. Il rivoluzionario dispositivo - chiamato quantum memristor - è stato sviluppato da un gruppo di fisici del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), del Politecnico di Milano e dell’Università di Vienna. 
La nuova cella elettrolitica è stata realizzata da un gruppo di ricercatori del Cnr in collaborazione con l’ETH di Zurigo
 
 

 

01.04.22 - Partendo da un complesso organometallico di rutenio è stata  realizzata una cella elettrolitica per la produzione di idrogeno verde dall’acqua.

Le ricerche sono condotte da un gruppo internazionale di studiosi a cui partecipa l’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr di Bologna


Obiettivo: intercettare

e misurare

la grandine dal satellite

Cnr Sequenza-giornaliera-tempeste-di-grandine

Nella foto. Ricostruzione cronologica della sequenza giornaliera di tempeste di grandine più intense che hanno interessato la costa adriatica il 10 luglio 2019. Le etichette, indicano l’ora di passaggio del satellite che ha effettuato la rilevazione (Credits: cnr.it)

 02.01.21 - La sfida è ambiziosa non c'è dubbio, ovvero: come rivelare la presenza di grandine nelle nubi. Sfida raccolta da un team internazionale di ricercatori formato dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isac) di Bologna, dal National Environmental Satellite Data and Information Service del National Oceanic and Atmosferic Administration (NOAA – NESDIS, U.S. Department of Commerce) e dall’Earth System Science Interdisciplinary Center (ESSIC) dell’Università del Maryland. Quest'ultimo, tra l'altro, ha elaborato un nuovo, efficace metodo, il MicroWave Cloud Classification-Hail method (MWCC-H), basato sulle osservazioni satellitari nelle microonde ad alta frequenza per individuare la presenza delle nubi grandinigene all’interno dei sistemi temporaleschi e monitorarne l’evoluzione. La metodologia è descritta in un lavoro ora pubblicato sulla rivista Remote Sensing.

«Il Mwcc-h utilizza l’elevata capacità delle microonde ad alta frequenza nell’intervallo 150-170 GHz di riconoscere il segnale emesso dai chicchi di grandine all’interno delle nubi temporalesche» - spiega Sante Laviola, ricercatore del Cnr-Isac, che ha coordinato la ricerca. Aggiunge: «Si tratta del primo e unico metodo generalizzato in grado di funzionare contemporaneamente su tutti i sensori satellitari ad alta frequenza in volo nella costellazione Global Precipitation Measurement mission (GPM), il network internazionale di satelliti progettati per l’osservazione degli eventi meteorologici e lo studio del ciclo dell’acqua».

Il nuovo metodo rileva la "firma spettrale" della grandine all’interno dei temporali in quanto «sfrutta la perturbazione indotta dalle nubi temporalesche al campo radiativo naturalmente emesso dalla Terra nello spettro di frequenze 150-170 GHz, - tipicamente imperturbato in assenza di precipitazioni - identificando i segnali di scattering, cioè di riduzione del segnale di tale campo radiativo, causati dalle idrometeore ghiacciate», prosegue Laviola che sottolinea: «Poiché la riduzione del segnale misurata dal satellite tende a crescere esponenzialmente all’aumentare della dimensione dei chicchi di grandine, il metodo è in grado di valutare anche la dimensione media dei chicchi, con una sensibilità tale da riuscire a distinguere anche le regioni dei sistemi temporaleschi dove si verificano dei principi d’innesco del processo di formazione della grandine».

Particolarmente significative in questo metodo sono poi le potenzialità, ad oggi senza precedenti per strumentazione satellitare in orbita bassa, di monitorare l’evoluzione dei sistemi grandinigeni con elevata risoluzione temporale, grazie all’approccio multi-sensore che sfrutta tutti gli strumenti della costellazione Gpm.

E sulle prospettive future del progetto Laviola così conclude : «L’opportunità che grazie a questa nuova metodologia si presenta, di creare un database omogeneo sulla distribuzione globale delle nubi produttrici di grandine, rappresenta uno strumento estremamente utile per migliorare l’attuale conoscenza degli effetti del cambiamento climatico sulla formazione della precipitazione solida. La modificazione della fase delle idrometeore in ragione dell’intensificarsi dei sistemi temporaleschi e la loro geolocazione spazio-temporale sono informazioni chiave per una più corretta valutazione degli effetti locali del riscaldamento globale, un tema di particolare rilievo, nei cosiddetti hot spot, ovvero le aree del pianeta particolarmente colpite da fenomeni meteorologici estremi che localmente possono diventare persino devastanti». (red)

Vedi

www.cnr.it 

 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

 

  

N. 05 Maggio 2022

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" in formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

La Scatola Maggio21
La Scatola
Foglietto di Satira in Veneto 
24 Maggio 2021 pdf

 

 Cronaca

19.10.21 - Pnrr, come potenziare lo sport a scuola

unimi uva valpolicella

14.10.21 - Valpolicella, la più antica uva ha 6.300 anni

20.05.21 - È il primo dei poli nazionali di trasferimento tecnologico 
L'università di Verona partner fondatore di RoboIT

gvr Cangrandedellascala

20.05.21 - Cangrande della Scala morì per una rara malattia genetica

L'indagine genetica ha messo fine alla teoria dell'avvelenamento durata secoli ed è stato anche "assolto" il suo medico curante che all'epoca fu accusato di avvelenamento e impiccato

26.01.21 - Online i siti 2021 per invio a ENEA dati Ecobonus e Bonus casa

 

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 
11.03.22 - Guerra in Ucraina. Fino a quando si negozia?
17.02.22 - Immaginiamo: 5 anni fa...

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2022

Corriere.it   19.05.22

Italiaoggi.it    19.05.22

Ilfattoquotidiano.it    19.05.22

Heos.it   19.05.22

    

In libreria

 21.04.22  -  Navalny contro Putin

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 


 

 

 


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 
 
 
 
 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra