? 2020/25/09/scienze/salute/Covid-19: spiegato da anomalie genetiche e immunologiche il 15% delle forme gravi - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

La ricerca è stata coordinata dall'università Sapienza di Roma in collaborazione con l’ENEA e il CNR. Apre la strada allo sviluppo di materiali innovativi per massimizzare la trasmissione elettrica

La "doppia" anima dell’acqua

svela il segreto

delle sue proprietà elettriche

21.10.20 - Dimostrato sperimentalmente che le proprietà elettriche dell'acqua in forma liquida e delle altre soluzioni acquose, sono spiegabili solo se l’acqua viene descritta come una miscela di due fluidi, con diverse caratteristiche strutturali e termodinamiche.


Un nuovo studio internazionale fornisce prove biogeochimiche sui cambiamenti ambientali e climatici avvenuti alla fine del Paleozoico

Dalla Siberia la CO2

che portò alla più grande

estinzione di massa sulla Terra

 

Unimi estinzione

20.10.20 - Nel giro di poche decine di magliaia di anni il nostro pianeta fu testimone della più severa e rapida estinzione di massa mai registrata, con la scomparsa del 70% delle specie terrestri e del 95% delle specie marine. Accadeva circa 252 milioni di anni fa, alla fine del Paleozoico, ben prima della comparsa dei dinosauri.

Le ricerche sono state condotte da un gruppo internazionale di studiosi e dall'Istituto di genetica e biofisica "A. Buzzati-Traverso" del Consiglio nazionale delle ricerche di Napoli

Covid-19: spiegato da anomalie

genetiche e immunologiche

il 15% delle forme gravi

25.09.20 - La domanda che tutti ci siamo fatti e ci facciamo sul Covid 19, è perché varia così tanto da persona a persona la risposta all'infezione da virus SARS-CoV2. Rispondere a questa domanda renderebbe possibile identificare i pazienti a rischio, anticipare e migliorare la loro cura e offrire nuove vie terapeutiche basate su una maggiore comprensione della malattia.

E la risposta a questa domanda chiave è arrivata da due studi condotti da un gruppo internazionale di ricercatori guidato da Jean-Laurent Casanova (The Rockefeller University, NY, USA e Istitute Imagine/Necker-Enfants malades, Parigi, Francia) e Helen Su (National Institute of Allergy and Infectious Diseases, NIH, USA), e composto tra gli altri da Francesca Fusco e Matilde Valeria Ursini dell’istituto di genetica e biofisica "A. Buzzati-Traverso" del Consiglio nazionale delle ricerche di Napoli (Cnr-Igb).

Gli studiosi, hanno identificato le cause genetiche e immunologiche che spiegano il 15% delle forme gravi di Covid-19 in pazienti che hanno in comune un difetto nell'attività delle forme di Interferone di tipo I (INF-1), molecole del sistema immunitario che normalmente svolgono una potente attività antivirale. Queste scoperte potrebbero consentire di sottoporre a screening le persone a rischio di sviluppare una forma grave e di trattare in maniera mirata i pazienti.

I risultati sono i primi pubblicati dal COVID Human Genetic Effort, un progetto internazionale in corso che copre oltre 50 centri di sequenziamento e centinaia di ospedali e centri di ricerca in tutto il mondo. I partecipanti allo studio provengono da Asia, Europa, America Latina e Medio Oriente. Un consorzio fondato con l'obiettivo di identificare i fattori genetici e immunologici che possono spiegare il verificarsi di forme gravi di Covid-19.

Nella ricerca sui meccanismi di immunità degli IFN di tipo I, che sono potenti molecole antivirali, il team ha identificato in alcuni pazienti anomalie genetiche che riducono la produzione di IFN di tipo I e, in altri, anticorpi autoimmuni che ne bloccano l'azione (rispettivamente, 3-4% e 10-11% delle forme gravi). Tra questi anche pazienti con la malattia genetica rara Incontinentia Pigmenti, che in circa il 25% dei casi presentano un’alta concentrazione di questi autoanticorpi.

"Il primo articolo pubblicato su Science descrive le anomalie genetiche in pazienti con forme gravi di Covid-19 a livello di 13 geni già noti per governare la risposta immunitaria controllata da IFN I contro il virus dell'influenza - spiega Fusco - Queste varianti genetiche sono presenti anche negli adulti che non sono stati malati prima. Indipendentemente dalla loro età, le persone con queste mutazioni sono maggiormente a rischio di sviluppare una forma molto grave di Covid-19. L'assunzione precoce di IFN di tipo 1 in questi pazienti potrebbe essere una via terapeutica; i farmaci sono disponibili da oltre 30 anni e senza effetti collaterali evidenti se assunti per un breve periodo".

Nel secondo studio i ricercatori mostrano, in più del 10% dei pazienti che sviluppano polmonite grave da infezione da SARS-CoV2, la presenza ad alti livelli di anticorpi diretti contro IFN di tipo I nel sangue di individui che neutralizzano l’effetto antivirale dell’IFN.

"Questi autoanticorpi sono assenti nelle persone che sviluppano una forma lieve della malattia e rari nella popolazione generale: l'analisi di un campione di controllo di 1.227 persone sane ha permesso di valutare la prevalenza di autoanticorpi contro IFN di tipo 1 allo 0,33%, ovvero 15 volte inferiore a quello osservato nei pazienti con forme gravi", precisa Ursini. E aggiunge: "Queste persone potrebbero trarre beneficio dalla plasmaferesi (rimozione della parte liquida del sangue contenente in particolare globuli bianchi e anticorpi) o da altri trattamenti che possono ridurre la produzione di questi anticorpi da parte dei linfociti B".

La seconda pubblicazione su Science, invece, ha permesso di comprendere l'incidenza della forma grave negli uomini e negli over 65, oltre che in una donna affetta da Incontinentia Pigmenti, una malattia genetica causata da una mutazione del gene NEMO sul cromosoma X. I dati suggeriscono agli scienziati che la produzione di questi anticorpi sia collegata a tale cromosoma. Al riguardo, Ursini conclude: "Che si tratti di varianti genetiche che riducono la produzione di IFN di tipo I durante l'infezione o di anticorpi che li neutralizzano, questi deficit precedono l'infezione con il virus e spiegano la grave malattia. Queste due pubblicazioni evidenziano quindi il ruolo cruciale degli IFN di tipo I nella risposta immunitaria contro SARS-CoV2". (red)


Vedi
www.cnr.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

 

  

SR cop Ottobre 20

N. 10 Ottobre 2020

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 La Scatola
La scatola 1 ott 2020

 

 Cronaca

Segnalazione sito che si occupa di COVID-19

17.09.20 - Verona. Cancro del pancreas, scoperto un nuovo biomarcatore

10.09.20Milano. Covid e cuore, mille specialisti a confronto

 

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 

 

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2020

vignetta corriere.it Teatro stabile 311020

Corriere.it  31.10.20

 vignetta italiaoggi.it Pizzino 311020

Italiaoggi.it  31.10.20

 vignetta esrep Tra cardinali 311020

espresso.repubblica.it   31.10.20

 vignetta heos.it Il lascito 311020

Heos.it   31.10.20

    

In libreria

 Libri Helgoland Rovelli

 25.09.20 - "È come se non esistesse..."

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

ambiente delfini in veneto

31.03.20 - Veneto, a fine febbraio avvistati alcuni delfini ad Albarella

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra