? 2020/06/03/spazio/astronomia/eso/Bollenti stelle tormentate da gigantesche macchie magnetiche - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

I risultati ottenuti ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN chiudono una ricerca durata 80 anni

Borexino rileva

per la prima volta il ciclo CNO,

il motore che fa brillare le stelle

infn Borexino3

27.11.20 - Prima rivelazione in assoluto dei neutrini prodotti nel Sole dal ciclo CNO (carbonio-azoto-ossigeno): un risultato sperimentale di valore storico, che completa un capitolo della fisica iniziato negli anni ’30 del secolo scorso.


Bruxelles, iniziata la due giorni del Forum europeo sull'idrogeno

Il Green Deal europeo

verso la decarbonizzazione

UE Forum idrogeno 26 27 nov20

26.11.20 - È iniziata oggi a Bruxelles la due giorni del Forum europeo sull'idrogeno, la prima assemblea dell'Alleanza europea per l'idrogeno pulito (European Clean Hydrogen Alliance)

I dati sono stati raccolti da un gruppo di astronomi dell'Eso (Osservatorio Europeo Australe)

Bollenti stelle tormentate

da gigantesche

macchie magnetiche

 

eso stelle tormentate

Rilevate macchie magnetiche su stelle lontane e calde (credit: eso.org)

 

03.06.20 - Scoperte macchie gigantesche sulla superficie di stelle caldissime nascoste all'interno di ammassi stellari. Queste stelle non solo sono tormentate dalle macchie magnetiche, ma in alcuni casi vanno incontro a brillamenti superluminosi, esplosioni di energia diversi milioni di volte più potenti delle eruzioni che avvengono sul Sole. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Astronomy.

L'equipe di lavoro, guidata da Yazan Momany dell'INAF - Osservatorio astronomico di Padova, ha esaminato un particolare tipo di stelle note come stelle blu estreme del ramo orizzontale - oggetti di massa pari a circa la metà della massa del Sole, ma quattro o cinque volte più calde. "Queste stelle calde e piccole sono speciali perché sappiamo che salteranno una delle fasi finali della vita di una stella tipica e moriranno prematuramente", afferma su eso.org Momany, in precedenza astronomo all'Osservatorio del Paranal dell'ESO in Cile. Aggiunge: "Nella nostra galassia, questi particolari oggetti caldi sono di norma associati alla presenza di una stella compagna molto vicina".

Sorprendentemente, invece, la stragrande maggioranza di queste stelle estreme del ramo orizzontale scoperte in ammassi stellari molto compatti, noti come ammassi globulari, non sembrano avere compagne. Il monitoraggio a lungo termine di queste stelle, realizzato dal gruppo di lavoro con i telescopi dell'ESO, ha mostrato anche qualcosa di più in questi misteriosi oggetti. Osservando tre diversi ammassi globulari, Momany e i suoi colleghi hanno scoperto che molte stelle estreme del ramo orizzontale al loro interno mostravano cambiamenti regolari di luminosità nel corso di pochi giorni, fino a diverse settimane.

"Dopo aver eliminato tutti gli altri scenari, rimaneva un'unica possibilità per spiegare le variazioni di luminosità osservate queste stelle sono tormentate da macchie superficiali!", conclude Simone Zaggia, dell'INAF - Osservatorio Astronomico di Padova, ex-Fellow dell'ESO e co-autore dello studio

Le macchie delle stelle estreme del ramo orizzontale appaiono significativamente diverse dalle macchie scure del Sole, ma entrambe sono prodotte dalla presenza di campi magnetici. Le macchie delle stelle calde ed estreme sono più luminose e più calde della superficie stellare circostante, a differenza del Sole per cui le macchie appaiono scure poichè sono più fredde dei dintorni. Le macchie sulle stelle estreme del ramo orizzontale sono anche significativamente più grandi delle macchie solari, arrivando a coprire fino a un quarto della superficie della stella. Le macchie sono incredibilmente persistenti, durano infatti per decenni, mentre le singole macchie solari sono effimere, durano solo pochi giorni o al massimo qualche settimana. Durante la rotazione delle stelle calde, le macchie sulla superficie appaiono e scompaiono, causando cambiamenti di luminosità osservabili.

Oltre alle variazioni di luminosità dovute alle macchie, l'equipe ha scoperto anche un paio di stelle estreme del ramo orizzontale che mostravano superbrillamenti: improvvise esplosioni di energia e un altro segnale della presenza di un campo magnetico. "Sono simili ai brillamenti che vediamo sul Sole, ma dieci milioni di volte più energici", afferma il co-autore dello studio Henri Boffin, astronomo alla sede dell'ESO in Germania. "Tale comportamento non era certo previsto e sottolinea l'importanza dei campi magnetici nello spiegare le proprietà di queste stelle".

Dopo sessant'anni di tentativi di comprendere la natura delle stelle estreme del ramo orizzontale, gli astronomi ora ne hanno un quadro più completo. Inoltre, questa scoperta potrebbe aiutare a spiegare l'origine dei forti campi magnetici in molte nane bianche, oggetti che rappresentano lo stadio finale della vita delle stelle simili al Sole e mostrano varie somiglianze con le stelle estreme del ramo orizzontale. "Il quadro complessivo, in realtà - precisa su eso.org, David Jones, ex-Fellow dell'ESO e ora all' Instituto de Astrofísica de Canarias, in Spagna - è che i cambiamenti di luminosità di tutte le stelle calde, dalle giovani stelle simili al Sole alle vecchie stelle estreme del ramo orizzontale, alle nane bianche morte da tempo, potrebbero essere tutti collegati. Questi oggetti - conclude - possono quindi essere intesi collettivamente come tormentati da macchie magnetiche sulla superficie". (red)

Vedi

www.eso.org 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

 

  

SR Cop Novembre20

N. 11 Novembre 2020

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 La Scatola  
pagina di Satira in Veneto 
Novembre 2020

la Scatola3 15nov20

 

 Cronaca

Segnalazione sito che si occupa di COVID-19

05.11.20 - Gestione emergenza Covid-19 e punto morto dei decreti attuativi

17.09.20 - Verona. Cancro del pancreas, scoperto un nuovo biomarcatore

 

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 

 

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2020

vignetta corriere.it Sognando 281120

Corriere.it  28.11.20

 vignetta italiaoggi.it Colorando 281120

Italiaoggi.it  28.11.20

vignetta ilfq La corsa 281120 

ilfattoquotidiano.it   28.11.20

 vignetta heos.it Disfacimento 281120

Heos.it   28.11.20

    

In libreria

 Libri Helgoland Rovelli

 25.09.20 - "È come se non esistesse..."

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

ambiente delfini in veneto

31.03.20 - Veneto, a fine febbraio avvistati alcuni delfini ad Albarella

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra