? 2020/03/03/Scienze/ambiente/INGV, livello del mare nella laguna veneta: +82 cm nel 2100 - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Osservato per la prima volta il getto relativistico di Quasar 3C 279

Ecco cosa c'è nel centro

del cuore di un buco nero

supermassiccio

Infn cuore 3C279

07.04.20 - Dopo la famosissima prima immagine di un buco nero, la collaborazione scientifica internazionale Event Horizon Telescope (EHT), adesso è riuscita a ritrarre, con un livello di dettaglio inedito, il quasar 3C 279, un getto relativistico originato probabilmente dalle vicinanze di un buco nero supermassiccio.


Due milioni di anni fa, Australopithecus, Paranthropus robustus e Homo erectus hanno vissuto contemporaneamente in Sudafrica. Nel gruppo internazionale di ricerca anche le Università di Pisa e Firenze

I nostri antenati di Drimolen

 Unipi .ricercatori drimolen

03.04.20 - I nostri antenati Australopithecus, Paranthropus robustus e Homo erectus tutti insieme contemporaneamente due milioni di anni fa in Sudafrica, nella cosiddetta Cradle of Humankind (culla dell’umanità).

Uno studio fornisce le proiezioni di aumento del livello marino dovuto al cambiamento climatico e alla subsidenza

INGV, livello del mare

nella laguna veneta:

+82 cm nel 2100

 

Sat laguna veneta

Laguna veneta (foto dal satellite)


03.03.20 - Laguna veneta: aumento del livello marino di circa 82 centimetri entro la fine del secolo causato dall'effetto combinato di cambiamento climatico e subsidenza. Sarebbe questo lo scenario - preoccupante - emerso da uno studio condotto dai ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e della Radboud Universiteit dei Paesi Bassi.

Il lavoro, pubblicato nel 2019 su Water e oggi approfondito sulla rivista Le Scienze per il pubblico italiano si inserisce nel quadro degli studi sull'aumento del livello del mare a scala globale, in forte accelerazione a partire dalla fine del XIX secolo, in corrispondenza dell'inizio della seconda rivoluzione industriale che ha prodotto un sensibile aumento dell'immissione in atmosfera di anidride carbonica.

"L'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) indica un aumento massimo del livello marino tra 52 e 98 centimetri nel 2100", spiega Marco Anzidei, co-autore dell'articolo e coordinatore dei progetti europei SAVEMEDCOASTS e SAVEMEDCOASTS-2, che si occupano degli impatti di aumento di livello marino dovuto al cambiamento climatico lungo le coste del Mediterraneo più esposte al rischio di inondazione. Aggiunge: "Nel caso della laguna veneta, nel computo delle proiezioni per la valutazione degli impatti si deve includere la subsidenza, ovvero il lento movimento verso il basso della superficie terrestre, legato a cause naturali e antropiche. Tale movimento ha per effetto l'accelerazione dell'aumento del livello marino locale".

Lo studio ha approfondito il contributo dei fattori locali nell'aumento del livello del mare nella laguna veneta. Tra questi, la variabilità climatica naturale e i movimenti verticali della crosta terrestre. Le analisi sono state effettuate utilizzando un gruppo di stazioni mareografiche del Mediterraneo poste nel nord dell'Adriatico e nel nord del Tirreno, presenti negli archivi italiani dell’ISPRA ('Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) e in quelli globali del Permanent Service for Mean Sea Level (PSMSL), gestito dal National Oceanography Centre di Liverpool. Alla stazione di Venezia Punta della Salute, le analisi stimano un aumento medio di 82 cm nel 2100, ma con un’incertezza di 25 centimetri in più o in meno, quindi anche fino a 108 cm.

Il quadro fornito da SAVEMEDCOASTS sulle aree mediterranee maggiormente esposte al rischio di allagamento marino nel 2100, compresa la laguna veneta con la città di Venezia, evidenzia 163 principali pianure costiere poste a una quota entro 2 metri sopra il livello medio attuale del mare, corrispondenti a un'area totale a rischio allagamento pari a circa 5,5 milioni di campi da calcio.

"Le proiezioni di aumento di livello marino, insieme a indicatori specifici, permettono anche di valutare i potenziali impatti socioeconomici per una data area e sono quindi utili per favorire la mitigazione dei rischi naturali, la sicurezza della vita umana e la gestione consapevole della fascia costiera", prosegue Anzidei. "Questo risulta particolarmente importante per la città di Venezia, che il 12 novembre del 2019 ha conosciuto la seconda marea più alta mai registrata (di 188 centimetri) dopo quella disastrosa del 1966. Nel 2100 un’acqua granda, come la chiamano i veneziani, potrebbe quindi fare alzare il livello fin quasi a tre metri nelle condizioni peggiori. Tuttavia - conclude Anzidei - si deve considerare che il livello marino ha sempre oscillato per cause naturali e continuerà a farlo anche in futuro. Studiarne le cause e gli effetti attesi nei prossimi anni diventa quindi di fondamentale importanza per un approccio consapevole nella gestione del fenomeno". (Red),


Vedi
www.ingv.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

  

SR Marzo20

N. 03  Marzo 2020

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

 

 Cronaca

25.02.20 - Amuchina esaurita? Ecco la guida OMS (WHO) per farla in casa

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 

04.04.20 - Garantire la filiera dei beni primari  di Pierre Zanin

Coronavirus contingente russo

03.04.20 - I ministri degli Esteri e della Difesa, Di Maio e Guerini: “Inopportuno l’attacco del ministero degli Esteri russo contro La Stampa”

02.04.20 - Coronavirus, Radicali: "Guerini relazioni subito in Parlamento su composizione missione russa"

28.03.20 - Il Coronavirus, la nuova Yalta

27.03.20 - "Franza o Spagna purché se magna"

20.02.20 - L’obbligo delle firme elettorali è incostituzionale?

 

Modello Standard

03.02-20 - Prescrizione e inefficienza dello Stato

29.01.20 - Il paradosso dell'omicio del coniuge 
Super Piercamillo Davigo mejo de Tex Willer

14.01.20 - Condizionamenti

Vignette nel web - Raccolta 2020

vignetta corriere.it Trasformista 080420

Corriere.it   08.04.20

vignetta italiaoggi.it La trappola 080420

Italiaoggi.it  08.04.20

 vignetta ilfq Tutti promossi 080420

Ilfattoquotidiano.it  08.04.20

vignetta heos.it Buio senza stelle 080420

 Heos.it   08.04.20

    

In libreria

Libro Io sono il potere

29.03.20 - Confessioni di un capo di Gabinetto

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

ambiente delfini in veneto

31.03.20 - Veneto, a fine febbraio avvistati alcuni delfini ad Albarella

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra