? 2019/11/25/tecnologia/medicina/ENEA, costruito un nuovo strumento per lo studio di protesi coronariche - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Positivo il primo test italiano

di crittografia quantistica

cnr logo trasmissione quantum

06.12.19 - Sperimentato per la prima volta un sistema di comunicazione quantistica utilizzando come canale di trasmissione una fibra ottica installata nell'area metropolitana di Firenze.


Università di Milano. L’uomo di oggi nasce dallo stesso processo di addomesticazione degli animali. Con questa scoperta cambiano le prospettive dell’evoluzione

Identificato il gene architetto

del volto dell'uomo moderno

unimi gene

05.12.19 - Scoperto il gene architetto dei tratti del nostro viso di uomini moderni e dei nostri comportamenti pro-sociali. In pratica l’uomo di oggi nasce dallo stesso processo di addomesticazione degli animali.

ENEA, costruito un nuovo

strumento per lo studio

di protesi coronariche

 

Enea strumento studio protesi

Il nuovo strumento per lo studio di protesi coronariche (foto enea.it)


25.11.19 - Messo a punto dall'Enea un particolare strumento finalizzato allo studio di nuove protesi bioriassorbibili per il trattamento delle coronaropatie. Realizzato in collaborazione con il California Institute of Technology nell’ambito del progetto europeo Bi-Stretch-4-Biomed coordinato da ENEA, lo strumento è in grado di espandere tubi polimerici o compositi, il primo passo per trasformarli in “impalcature” (scaffold) cardiovascolari; vale a dire protesi in grado di mantenere aperto il vaso ostruito ripristinando così il flusso sanguigno arterioso. Inoltre, la macchina permette di misurare durante il processo di espansione i parametri strutturali del nuovo materiale con cui sono realizzate le protesi.

L’obiettivo finale del progetto è di sostituire gli stent metallici per il trattamento delle coronaropatie con nuove protesi bioriassorbibili, riassorbibili entro due anni dall’impianto e realizzate in materiale nanocomposito composto da polimero PLLA (acido polilattico) rinforzato con nanotubi di disolfuro di tungsteno (WS2). Gli scaffold in nanocomposito hanno uno spessore inferiore e proprietà meccaniche migliori rispetto ai corrispettivi realizzati in PLLA puro, cioè senza nanotubi”, spiega Fulvia Villani, coordinatrice del progetto del laboratorio Nanomateriali e dispositivi del Centro ricerche ENEA di Portici. Queste protesi innovative saranno riassorbite dall’organismo dopo la guarigione della lesione ma saranno anche più semplici da spostare per il chirurgo lungo il percorso arterioso fino alla zona da trattare.

La fabbricazione di una protesi cardiovascolare inizia da un piccolo tubo di polimero (di diametro esterno inferiore a 2 millimetri) che viene sottoposto a un processo di deformazione mediante gonfiaggio con aria compressa. In questa fase, un accurato controllo delle grandezze fisiche coinvolte nell’espansione ed elongazione del tubo (tempificazione, temperature e pressione) conferirà allo scaffold la resistenza meccanica necessaria a mantenere l’arteria aperta ripristinando il flusso sanguigno durante il tempo necessario alla guarigione del vaso.

“Lo strumento, in gergo tecnico rig, ha una struttura molto compatta che permette il passaggio del fascio di raggi X necessario all’analisi strutturale, mentre opera e controlla il processo di espansione. Il rig è costituito di quattro parti: un corpo meccanico che ospita riscaldatori, cavi e sensori; uno stampo (mold); supporti per la preforma; un’unità di controllo dei parametri fisici del processo testato”, spiega Riccardo Miscioscia del laboratorio Nanomateriali e dispositivi del Centro ricerche ENEA di Portici.

Dal punto di vista scientifico, il progetto Bi-Stretch-4-Biomed si propone di comprendere il meccanismi che possono conferire a una plastica rinforzata (PLLA con inclusioni di WS2) le stesse caratteristiche meccaniche di un metallo nel sostenere l’arteria coronarica dimostrando la biocompatibilità del composito e traendo beneficio dalla sua bioriassorbibilità che, in ultima analisi, riduce la probabilità di recidive dopo il trattamento della lesione.

Il gruppo di lavoro è composto da Giuseppe Pandolfi (Laboratorio Nanomateriali e Dispositivi, ENEA), Giovanni De Filippo (Laboratorio Dispositivi Innovativi, ENEA), Tiziana Di Luccio (Laboratorio Nanomateriali e Dispositivi, ENEA / Division of Chemistry and Chemical Engineering, California Institute of Technology). (red)

Vedi
www.enea.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

  

Sr cop Nov19

N. 11  Novembre 2019

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

 

Politica
 Cronaca

GVR Venezia si alzano le dighe del Mose2

03.12.19 - Venezia, positivo il test di solevamento del Mose

 Dossier Guerra Fredda

 

Auto Hy plug in ev

 

 

In cauda venenum
29.11.19 - Non è casuale

Vignette nel web - Raccolta 2019

vignetta corriere.it Relatività 061219

Corriere.it   06.12.19

vignetta itlaiaoggi.it La supplica 061219

Italiaoggi.it   06.12.19

vignetta esrep Nuova tassa 061219 

Espresso.repubblca.it   06.12.19

vignetta heos.it Il fiuto del prosecco 061219

 Heos.it   06.12.19

    

Regalati un libro

Libro la spia corre sul campo Carré

   02.12.19 - La spia corre sul campo

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Immagini dal Mondo

 

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra