? 2019/10/24/spazio/astronomia/eso/Collisione tra stelle di neutroni: per la prima volta osservata la nascita dello stronzio - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Lo studio è stato condotto da un gruppo di ricercatori italiani

L'infarto del miocardio

favorito da un batterio

intestinale migrante

13.01.20 - Il batterio intestinale, Escherichia coli, circola nel sangue nei pazienti con infarto e si concentra nel trombo facilitandone la crescita.


L'annuncio è stato fatto dalla collaborazione EGO-Virgo e LIGO. Il segnale arriva da 500 milioni di anni luce di distanza

Onde gravitazionali: scoperto

un altro possibile scontro

tra stelle di neutroni

 infn scontro stelle neutroni artistica

07.01.20 - Un segnale di onde gravitazionali che arriva da 500 milioni di anni luce di distanza dalla Terra è stato osservato dalle collaborazioni scientifiche EGO (Osservatorio gravitazionale europeo)-Virgo (Cascina-Pisa) e LIGO (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory) Stati Uniti.

Svelati gli ultimi segreti del sale dei fuochi artificiali

Collisione tra stelle di neutroni:

per la prima volta osservata

la nascita dello stronzio

eso stronzio prodotto da fusione stelle di neutroni

Rappresentazione artistica dello stronzio prodotto dalla fusione di stelle di neutroni (foto eso.org)

24.10.19 - Rilevato nello spazio la nascita - a seguito della fusione di due stelle di neutroni - di un elemento pesante: lo stronzio. È la prima volta che gli scienziati osservano questo fenomeno ed è stato possibile grazie allo spettrografo X-Shooter dell'ESO (European Southern Observatory) montato sul VLT (Very Large Telescope). La descrizione della scoperta è stata pubblicata dalla rivista Nature. Il rilevamento conferma che gli elementi più pesanti nell'Universo possono formarsi nella fusione di stelle di neutroni, fornendo un pezzo mancante del puzzle della formazione degli elementi chimici.

Nel 2017, in seguito al rilevamento di onde gravitazionali che hanno raggiunto la Terra, l'ESO ha puntato i suoi telescopi cileni, incluso il VLT verso la sorgente, ossia l'evento dovuto alla fusione di stelle di neutroni a cui è stato dato il nome di GW170817. Gli astronomi sospettavano che, se gli elementi più pesanti si fossero formati dalle collisioni di stelle di neutroni, le impronte di quegli elementi potevano essere rilevate nelle chilonovae, ossia le conseguenze di quelle esplosioni che seguono alle fusioni tra oggetti celesti superdensi, come appunto due stelle di neutroni. Questo è ciò che ha fatto un'equipe di ricercatori europei, utilizzando i dati dello strumento X-shooter, installato sul VLT dell'ESO.

Dopo l'evento GW170817, la compagine di telescopi dell'ESO ha iniziato a monitorare l'esplosione di chilonova emergente dalla fusione, su una vasta gamma di lunghezze d'onda. X-shooter in particolare ha preso una serie di spettri dall'ultravioletto al vicino infrarosso. L'analisi iniziale di questi spettri ha suggerito la presenza di elementi pesanti nella chilonova, ma gli astronomi finora non erano stati in grado di individuare i singoli elementi.

"Rianalizzando i dati della fusione del 2017, abbiamo ora identificato in questa palla di fuoco la firma di un elemento pesante, lo stronzio, che dimostra che è la collisione delle stelle di neutroni a creare questo elemento nell'Universo", afferma l'autore principale dello studio, Darach Watson dell' Università di Copenaghen in Danimarca. Sulla Terra, lo stronzio si trova naturalmente nel terreno ed è concentrato in alcuni minerali. I suoi sali sono usati per dare ai fuochi d'artificio un colore rosso brillante.

Gli astronomi conoscono i processi fisici che creano gli elementi fin dagli anni '50 del secolo scorso. Nel corso dei decenni successivi hanno scoperto i siti cosmici di ognuna di queste principali forge nucleari, tranne una. "Questa è la fase finale di una ricerca decennale per definire l'origine degli elementi", afferma Watson. “Ora sappiamo che i processi che hanno creato gli elementi sono avvenuti principalmente nelle stelle ordinarie, nelle esplosioni di supernova o negli strati esterni di stelle vecchie. Ma, fino ad ora, non conoscevamo la posizione dell'ultimo processo da scoprire, noto come processo di cattura rapida di neutroni, che ha creato gli elementi più pesanti nella tavola periodica".

La cattura rapida dei neutroni è un processo in cui un nucleo atomico cattura i neutroni abbastanza rapidamente da consentire la creazione di elementi molto pesanti. Sebbene molti elementi siano prodotti nei nuclei delle stelle, la creazione di elementi più pesanti del ferro, come lo stronzio, richiede ambienti ancora più caldi con molti neutroni liberi. La cattura rapida dei neutroni si verifica naturalmente solo in ambienti estremi in cui gli atomi sono bombardati da un gran numero di neutroni.

"Questa è la prima volta in cui possiamo associare direttamente con la fusione delle stelle di neutroni il materiale appena creato, formato tramite il processo di cattura di neutroni, confermando che le stelle di neutroni sono proprio fatte di neutroni e legando a queste fusioni il processo di cattura rapida dei neutroni, a lungo dibattuto", afferma Camilla Juul Hansen del Max Planck Institute for Astronomy di Heidelberg (Germania), che ha svolto un ruolo importante nello studio.

Solo ora gli scienziati stanno iniziando a comprendere meglio la fusione delle stelle di neutroni e le chilonovae. A causa della nostra ancora limitata comprensione di questi nuovi fenomeni e di altre complessità negli spettri dell'esplosione presi dallo strumento X-shooter montato sul VLT, gli astronomi non erano stati in grado finora di identificarvi singoli elementi.

In realtà, l'idea che avremmo potuto vedere lo stronzio ci è venuta abbastanza presto, dopo l'evento. Tuttavia, dimostrare che ciò era realmente il caso si è rivelato molto difficile. La difficoltà era dovuta alla nostra conoscenza altamente incompleta dell'aspetto spettrale degli elementi più pesanti della tavola periodica", afferma Jonatan Selsing, ricercatore dell'Università di Copenaghen, un altro autore fondamentale dell'articolo.

L'evento di fusione GW170817 è stato il quinto evento di onde gravitazionali, osservato grazie a LIGO (Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory), negli Stati Uniti e a Virgo (Interferometro Virgo) in Italia. Questa fusione, avvenuta nella galassia NGC 4993, è stata la prima, e finora l'unica, sorgente di onde gravitazionali per cui sia stata rivelata la controparte visibile da telescopi sulla Terra.

European Southern Observatory o Osservatorio Australe Europeo

L'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e di gran lunga l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 15 paesi: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera, oltre al paese che ospita l'ESO, il Cile e l'Australia come partner strategico. (red)

vedi
www.eso.org 

 

 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

  

SR cop gen20

N. 01  Gennaio 2020

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

 

 Cronaca

GVR Venezia si alzano le dighe del Mose2

03.12.19 - Venezia, positivo il test di solevamento del Mose

 Dossier Guerra Fredda

 

Auto Hy plug in ev

 

 

La puntura
20.01.20 - Accontentiamolo!
Modello Standard

14.01.20 - Condizionamenti

Vignette nel web - Raccolta 2020

vignetta corriere.it Fine primo tempo 200120

Corriere.it   20.01.20

vignetta italiaoggi.it La presa 200120

Italiaoggi.it   20.01.20

vignetta esrep Il tubo 200120 

Espresso.Repubblica.it   20.01.20

vignetta heos.it Effetti speciali 200120

 Heos.it   20.01.20

    

Regalati un libro

Libro La mia europa daverio

 12.12.19 - La mia Europa
 a piccoli passi

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Immagini dal Mondo

 

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra