? Heos.it Rivista scienze politica cultura salute - 2019/02/09/scienze/Antartide, meteorologia spaziale: in funzione il radar italiano Dome C North

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

A duemila metri d'altezza, in una falesia lunga 5 metri, le pietre raccontano di un mondo perduto, pianeggiante e ricco di alberi
 
 
 
 
21.01.23 - Il più antico atelier per la produzione di bifacciali di ossidiana risalente a più di 1.200.000 anni fa si trova a Melka Kunture in Etiopia.
In questa località la missione archeologica finanziata da Sapienza Università di Roma, ha evidenziato la presenza della più antica zona di produzione di utensili finora conosciuta. 
 
Le ricerche sulla malattia che ha colpito circa 200 mila persone sono state condotte da  I.R.C.C.S. Neuromed e Istituto di genetica e biofisica del Cnr di Napoli
 
 
19.01.23 - Le mutazioni del gene TMEM175, fondamentale per il corretto funzionamento di un tipo di organuli cellulari, sarebbero alla base di un certo numero di casi di malattia di Parkinson ad insorgenza tardiva.

 Antartide, meteorologia

spaziale: in funzione

il radar italiano Dome C North

 

Cnr Panoramica sito radar Dome-C-North

Panoramica del sito radar Dome C North (foto superdarn.org)


09.02.19 - Installato con successo il radar ionosferico denominato Dome C North (Dcn) presso la stazione di ricerca italo-francese Concordia in Antartide. L'operazione rientra nell'ambito della 35° campagna antartica promossa dal Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (Pnra), che si concluderà a breve. Il radar Dcn e il suo gemello Dome C East (Dce), quest'ultimo operativo a Concordia dal 2013, fanno parte della rete di radar HF (high frequency o alta frequenza) del progetto internazionale Super Dual Auroral Radar Network (SuperDARN), dedicata allo studio del moto del plasma e degli effetti dei fenomeni di meteorologia spaziale nella ionosfera dalle medie latitudini fino alle cappe polari degli emisferi Nord e Sud.

L’installazione di Dcn è stata realizzata grazie al finanziamento del Pnra, nell’ambito del progetto “SuperDarn: radar ionosferici Hf Dce e Dcn a Concordia”, che è coordinato dall’Istituto Nazionale di Astrofisica con la collaborazione di un’unità operativa a guida del Dipartimento Scienze del Sistema Terra e Tecnologie per l'Ambiente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Dta).

Il radar Dcn e il suo gemello Dome C East (Dce) sono i radar HF localizzati alle più alte latitudini geomagnetiche e alla più alta altitudine sul livello del mare ed osservano di continuo, lungo i rispettivi campi di vista, il moto del plasma ionosferico ed i fenomeni dovuti ai processi di meteorologia spaziale in una porzione della ionosfera polare dell’emisfero Sud di circa 10 milioni di km².

Dcn e Dce sono le più estese e complesse installazioni presenti a Concordia. I due radar sono localizzati a circa 2 km dalla base ed ogni radar è composto da 24 antenne filari tese fra le 18 torri della schiera ricetrasmittente principale e le 6 torri della schiera ricevente interferometrica (per l’individuazione dell’altezza dalla quale proviene il segnale retrodiffuso).

I due radar osservano i fenomeni causati dall’interazione fra il vento solare, il plasma che dal sole si espande in tutto lo spazio interplanetario, ed il campo magnetico terrestre. Quest’ultimo genera una sorta di bolla magnetica, denominata magnetosfera, che protegge la Terra e la sua atmosfera dall’esposizione diretta al vento solare.

A seguito di una serie di processi fisici che avvengono ai confini della magnetosfera, parte del vento solare e della sua energia arrivano nello spazio più vicino alla Terra e sono talvolta all’origine di una serie di perturbazioni che si verificano durante quelle che vengono chiamate tempeste magnetiche. Le aurore polari sono la manifestazione visibile di tali perturbazioni, che tuttavia possono anche provocare una serie di fenomeni che hanno ripercussioni dirette sullo svolgimento delle attività umane come, per esempio, malfunzionamenti dei satelliti in orbita intorno alla Terra, danni ai sistemi di distribuzione della corrente elettrica e disturbi nelle comunicazioni radio.

Portare a termine l’installazione di questo tipo di strumenti in un ambiente dalle estreme condizioni ambientali come quello di Concordia ha richiesto uno sforzo collaborativo notevole. Il team che ha installato DCN ha visto la partecipazione di David Biondi dell’Inaf, di Alessandro Cirioni, Angelo De Simone, Angelo Olivieri, Andrea Satta, Enrico Simeoli del Cnr e dell’esperto di radartecnica Jan Wiid. Per l’installazione del radar è stato poi fondamentale il supporto del personale tecnico e di coordinamento italo-francese della stazione di ricerca Concordia e più in generale di una serie di persone del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide, dell’Ente Nazionale per l’Energia e l’Ambiente (Enea) e de l’Institut polaire français Paul-Emile Victor (Ipev).

La costruzione dei due radar, che sono considerati osservatori Permanenti nell’ambito del Pnra e la cui conduzione è affidata all’Inaf, è iniziata nell’ambito di una collaborazione italo-francese, ed è stata finanziata, per quanto riguarda l’Italia dal Pnra e dall’Inaf e per quanto riguarda la Francia dall’IPEV e dall’Insu. (red.)

vedi
www.cnr.it  
http://vt.superdarn.org/tiki-index.php 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

 

  

N. 01 - Gennaio 2023

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" in formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

La Scatola Maggio21
La Scatola
Foglietto di Satira in Veneto 
24 Maggio 2021 pdf

 

 Cronaca

03.08.22 - Notti d'agosto: con Saturno e le Perseidi
 

 Dossier Guerra Fredda

 

Politica 
17.02.22 - Immaginiamo: 5 anni fa...

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2023

Corriere.it   30.01.23

Italiaoggi.it    30.01.23

Ilfattoquotidiano.it    30.01.23

Heos.it    30.01.23

    

In libreria

 27.01.23  - Fuori dai confini

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Video

Esa Orione video

02.04.20 - Alla scoperta di Orione

Vangelis Nasa Mars Mythodea

24.03.20 - In tempo di Coronavirus facciamo un viaggio nel tempo e nello spazio
NASA Mission Mars Odyssey 2001, Vangelis Mythodea

 

 


 

 

 


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Informazioni commercili
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra