? 2018/10/25/scienze/genetica/Gli "organoidi" e le prospettive per la cura del Parkinson - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Antartide: nelle brine

dei laghi ghiacciati

i segreti della vita su Marte

cnr antartide lago Tarn Flat

12.11.19 - Nella Terra Vittoria settentrionale, in Antartide, e precisamente nel lago perennemente ghiacciato di Tarn Flat, due crioecosistemi microbiologicamente differenti, separati da soli 12 centimetri di ghiaccio lacustre, sono dominati da batteri e archeobatteri.


Il DNA antico per raccontare 12.000 anni di migrazioni e diversità

Roma, tra gli antenati

anche etnie anatoliche,

iraniane e ucraine

Sapienza Fori-imperiali-Roma

11.11.19 - Roma si conferma città incrocio di migrazioni e passaggi da ogni angolo del mondo antico anche nei millenni precedenti la sua fondazione. I dati sono stati rilevati dall'analisi di campioni di DNA umano provenienti da 29 siti archeologici.

 Gli organoidi e le prospettive

per la cura del Parkinson

 

unipi Arti Ahluwalia

Arti Ahluwalia, direttrice del Centro di Ricerca “E.Piaggio” dell’università di Pisa  


25.10.18 - Aperte nuove prospettive sullo studio del Parkinson grazie a tecniche innovative di coltura degli “organoidi”.  È il risultato di una ricerca del Centro di Ricerca “E.Piaggio” dell’università di Pisa e dell’università del Lussemburgo. La ricerca, tra l'altro, consentirà anche di arrivare a ridurre la sperimentazione farmacologica su cavie animali

Negli ultimi anni le tecniche di coltura in tre dimensioni di cellule staminali hanno visto dei progressi consistenti. Gli “organoidi”, i mini-organi così formati dalla struttura tridimensionale e dalle staminali che vi proliferano, forniscono un modello di come si sviluppa e vive un organo umano, imitandone struttura e funzionalità. Un risultato potenzialmente rivoluzionario per lo studio di alcune malattie, ma anche per i test farmacologici.

Questi modelli di organi hanno però dei limiti, principalmente dovuti alla difficoltà di creare ambienti che garantiscano a lungo la sopravvivenza delle cellule. Le cellule staminali infatti vi proliferano per un certo tempo, dando luogo agli stessi tipo cellulari che generano in vivo, ma poi, mancando nutrienti fondamentali nel suo interno, l’organoide muore.

«La nostra ricerca – spiega Arti Ahluwalia, direttrice del Centro di Ricerca “E.Piaggio” dell’università di Pisa - ha dimostrato che è possibile ingegnerizzare ambienti di crescita degli organoidi nei quali il flusso di ossigeno e nutrienti svolge una funzione di mantenimento delle condizioni vitali. In particolare, abbiamo testato questo metodo sull’organoide del mesencefalo: attraverso l’uso della tecnologia fluidica e modelli computazionali, mostriamo che le cellule all'interno dei mini organi, quando stimolate da un flusso, hanno una maggiore vitalità e si differenziano in maniera più efficace in neuroni dopaminergici, che sono importantissimi per il buon funzionamento del cervello. Infatti, la morte dei neuroni dopaminergici è una caratteristica del morbo di Parkinson. Inoltre, la sinergia di modelli computazionali e osservazioni al microscopio ci hanno permesso di individuare una soglia critica per la vitalità delle cellule, che ci permetterà di ottimizzare ulteriormente il protocollo di generazione di questi cervelli in vitro».

La possibilità di avere un organoide-mesencefalo vitale permetterà quindi di studiare come il deterioramento nei neuroni incide sullo svilupparsi della malattia. Ma non è tutto. Lo sviluppo della tecnologia di coltura degli organoidi significa anche costruire un’alternativa concreta ai testi sugli animali. «L’evidenza sperimentale – conclude Arti Ahluwalia – ci dice che tecnologie bioingegneristiche integrate con nuovi metodi per la manipolazione di cellule staminali in-vitro rendono gli organoidi dei modelli scientificamente validi per i test farmacologici, aprendo la strada alla possibilità di fare a meno di cavie animali».

Vedi
www.unipi.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

  

Sr cop Nov19

N. 11  Novembre 2019

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 

 

Politica
 Cronaca

GVR ingegneria Pd

06.11.19 - Padova a pari merito con Bologna miglior ateneo in Italia

 Dossier Guerra Fredda

 

Auto Hy plug in ev

 

 

In cauda venenum
11.10.19 -  Sovranità limitata ieri e oggi, domani chissà!

Vignette nel web - Raccolta 2019

vignetta corriere.it Avvocati in fumo 181119

Corriere.it   18.11.19

vignetta italiaoggi.it Avvoltoio toscano 181119

Italiaoggi.it   18.11.19

vignetta esrep La mosca fastidiosa 181119 

Espresso.repubblica.it   18.11.19

vignetta heos.it Pd obiettivo Luna 181119

 Heos.it   18.11.19

    

Regalati un libro

Libro-I-signori-dei-terremoti-topazio

 23.10.19 - I signori dei terremoti 

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Immagini dal Mondo

 

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra