? 2018/07/04/ambiente/scienze/Ustica, due terremoti hanno alzato l'isola di 30 cm - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Sarebbero la causa della distruzione dei porti di Napoli e di Amalfi, di cui fu testimone oculare il poeta Francesco Petrarca

 Stromboli, generò tre maremoti

in età medievale

 ingv stromboli da nord

18.02.19 - Lo Stromboli nell'arcipelago delle Eolie tra il 1343 e il 1456 è stato la sorgente di tre grandi tsunami, prodotti da un cedimento del fianco nord-occidentale del vulcano.


Le ricerche al Dipartimento di Ingegneria meccanica e aerospaziale dell'università Sapienza di Roma

Nei materiali nanoporosi

il segreto per una nuova

energia e la tutela ambientale

13.02.19 - Aperta la strada per sfruttare a fondo le caratteristiche dei liquidi in nanopori. L'antefatto. Grazie alla presenza di numerosi e minuscoli pori (della dimensione di pochi nanometri), una particolare categoria di dispositivi, i cosiddetti sistemi HLS (Heterogenous Lyophobic Systems o sistemi liofobici eterogenei), è dotata di una straordinaria capacità di immagazzinamento di energia.

 Ustica, due terremoti

hanno alzato l'isola di 30 cm

 

enea ustica misurazioni

Ustica, le misurazioni lungo il perimetro dell'isola (foto enea.it)

 

04.07.18 - Ustica (Palermo): la parte ovest dell’isola si sarebbe sollevata di oltre 30 cm a causa di due terremoti avvenuti nel primo quarto del 1900. Il dato arriva dal rilevamento a nuoto per lo studio dei meccanismi di erosione e delle variazioni del livello del mare lungo i 13 km del perimetro dell’isola, condotto nell’ambito del progetto scientifico internazionale Geoswim dell’ENEA e dell’Università di Trieste, che prevede la mappatura complessiva di 23 mila chilometri di costa rocciosa del Mediterraneo. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista internazionale “Geomorphology”.

I ricercatori sono arrivati a questa conclusione da un calcolo che parte dal ritrovamento a circa 2 metri sopra il livello del mare di alcuni fossili di crostacei che vivono abitualmente a contatto con l’acqua. Rinvenuti in una grotta sul lato ovest di Ustica, questi crostacei detti “dente di cane” erano ricoperti di concrezioni simili a stalattiti che si formano per gocciolamento. Dai campionamenti e dalle analisi al carbonio 14, i crostacei e il carbonato della concrezione che li ricopriva sono risultati risalire rispettivamente a 110 e 90 anni fa.

A conferma di movimenti tettonici verticali generalizzati anche in altre parti dell’isola, in una grotta situata nella parte centrale è stata rinvenuta e campionata una stalattite a circa un metro sotto l’attuale livello del mare. La stalattite, formatasi in superficie circa 6 mila anni fa, era completamente ricoperta da serpulidi, organismi marini che vivono all’interno di gusci calcarei sui fondali.

“Abbiamo potuto studiare tutte le 13 grotte che conservano e nascondono i dati più interessanti per capire la storia dell’isola, calcolare le variazioni della costa e del livello del mare, analizzare i meccanismi di erosione e di formazione dei solchi marini, anche georeferenziandoli, cioè abbinandoli alla precisa posizione geografica e di profondità”, spiega Fabrizio Antonioli, geomorfologo del Laboratorio di Modellistica Climatica dell’ENEA.

“L’innovatività dei nostri studi è rappresentata sia dal metodo adottato dello snorkeling, sia perché si tratta della prima indagine completa su un'isola vulcanica”, aggiunge Stefano Furlani, geomorfologo dell’Università di Trieste. “Questo ci ha permesso di registrare un ulteriore primato in quanto per la prima volta nel Mediterraneo sono stati scoperti alcuni solchi marini, tipici della zona di marea, su alcune rocce vulcaniche nel settore meridionale dell’isola, che dimostrano che l’area in esame è stabile almeno dai 2 ai 300 anni, il tempo necessario alla loro formazione”.

Venti giorni di boati e scariche elettromagnatiche

“La prima sequenza sismica che colpì Ustica nella primavera del 1906 si protrasse per venti giorni e fu accompagnata da boati, rombi e scariche elettromagnetiche, con conseguenze drammatiche per la comunità. Anche se le scosse non superarono il 6° grado della scala Mercalli, provocarono comunque crolli e lesioni in abitazioni private ed edifici pubblici, che indussero la popolazione usticese, dopo un acceso confronto fra autorità e scienziati, ad abbandonare l’isola per qualche tempo”, spiega Franco Foresta Martin, direttore del Laboratorio Museo di Scienze della Terra Isola di Ustica, un’istituzione che si occupa di attività didattica, divulgazione scientifica e promozione della ricerca in campo geo-vulcanologico. E conclude: “Auspichiamo ulteriori indagini proprio per documentare una correlazione diretta tra l’azione del mare e dei terremoti e la deformazione costiera, ma anche la necessità di rivalutare il rischio sismico dell’area di Ustica, che è soggetta a frequenti terremoti di intensità medio-bassa”. (red)


Paper : S. Furlani, F. Antonioli, D. Cavallaro, P. Chirco, F. Caldareri, F.F. Martin, M. Gasparo Morticelli, C.Monaco, A.Sulli, G. Quarta, S. Biolchi, G.M. Sannino, S. de Vita, L. Calcagnile, M. Agate (2017). Tidal notches, coastal landforms and relative sea-level changes during the Late Quaternary at Ustica Island (Tyrrhenian Sea, Italy). Geomorphology 299, 94-106. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0169555X17304282 

Vedi

www.enea.it 
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0169555X17304282 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

  

SR cop feb19N. 2 Febbraio 2019

Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica" formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

Launching pad

GVR E Defalco cop canzone

06.11.18 - Da Verona una nuovo rapper: Krim presenta la sua "Rooftop"  (Ascolta la canzone)

 

 

News

nasa urano2

 20.02.19 - Il "berretto" di Urano

enea base zucchelli

08.02.19 - Antartide, base italiana "Mario Zucchelli": gelida "differenziata"

ambiente iceberg rettangolari nasa

24.10.18 - Antartide, fotografati due grandi iceberg rettangolari

Esa rover exomars2020

24.07.18 - Sarà lanciato dall'Esa il 24 luglio 2020 
Cercasi nome per il rover europeo che esplorerà Marte

 tech cina drone spia forma uccello

26.06.18 - Cina, in azione stormi di colombe robotiche per la sorveglianza dal cielo

 

 Dossier Guerra Fredda

 

Auto Hy plug in ev

 

 

In cauda venenum

 19.02.19 - Vincenzo De Luca vs l'analisi costi benefici per la Tav

Vignette nel web - Raccolta 2019

vignetta corriere.it cambio di gilet 200219

Corriere.it   20.02.19

vignetta italiaoggi.it arriva il peggio 210219

Italiaoggi.it   21.02.19

 vignetta ilfq la fossa 210219

Ilfattoquotidiano.it   21.02.19

vignetta heos.it il vuoto 210219

 Heos.it   21.02.19

 

In cauda venenum 

22.11.18 - Il paradosso delle tendenze anti-scientifiche 

   

Regalati un libro

Libro Sodoma Martel 

18.02.19 - "Dietro la rigidità c’è sempre qualcosa di nascosto

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

Scienze pangea casa tua

09.07.18 -  Pangea, ecco dov'era la tua casa 240 milioni di anni fa

 

 

Immagini dal Mondo

geo neist point scotland 18.10.18 - Camminando a Waterstein Head

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra