? 2018/03/22/archeologia/scienze/Al Khiday (Sudan): sapore di sale di 10.000 anni fa - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Al Cern LHC cresce con HILUMI

Luce più luminosa

per una nuova fisica

verso le "extradimensioni"

 infn luminosity LHC

15.06.18 - Iniziati i lavori del più grande progetto di fisica delle particelle dei prossimi 10 anni. Si chiama High Luminosity LHC, detto HiLumi LHC, di cui oggi, 15 giugno, al CERN si celebra la posa della prima pietra con l’inizio dei lavori di ingegneria civile.


Lo studio è stato condotto da un gruppo internazionale di ricercatori coordinato dall'università Statale di Milano

Batteri colonizzatori alleati

delle piante contro la siccità

unimi siccità

13.06.18 - Milano. Scoperti i meccanismi con cui i batteri favoriscono l’adattamento delle piante alla siccità. Un team internazionale di ricercatori dell’Università di Milano

Da uno scavo archeologico lungo il Nilo delle Università di Milano, Padova, Parma e del Centro Studi Sudanesi emergono tracce della più antica tecnica di conservazione del pesce (analogie con il lago di Como)

Al Khiday (Sudan):

sapore di sale di 10.000 anni fa

 

unimi Resti di pesce  Al Khiday

Resti di pesce vecchi di diecimila anni rinvenuti durante lo scavo del sito archeologico di Al Khiday, Sudan Centrale (foto unimi.it)

 

unimi Il sito archeologico di Al Khiday

Il sito archeologico di  Al Khiday (Sudan Centrale) durante lo scavo (foto unimi.it)

 

22.03.18 - Una delle più grandi sfide dell’umanità sin dalla preistoria è stata la conservazione del cibo. Quando è iniziata? Almeno 10.000 anni fa lungo le rive del fiume Nilo, nell’attuale Sudan Centrale. E' quanto hanno coperto gli archeologi del Centro Studi Sudanesi e Sub-Sahariani, diretti da Donatella Usai e Sandro Salvatori e in collaborazione con le Università di Milano, Padova e Parma. Hanno portato alla luce i resti lasciati dalle popolazioni Mesolitiche: un villaggio organizzato con capanne, pozzetti con varie funzioni (focolari, rifiutaie, chiocciolai) e un cimitero che ha restituito più di 200 sepolture che datano a tre distinte fasi, pre-Mesolitico, Neolitico e Meroitico (antico Regno di Meroe, 300 a.c.).

I resti di faune rinvenuti in questi siti suggeriscono che la pesca contribuiva per più del 90% all’alimentazione della popolazione. Numerose lische di pesce, con le ossa ancora in connessione anatomica, sono state rinvenuti in numerosi pozzetti. La scoperta della presenza di cloruro di sodio su alcune di queste ossa ha suggerito la possibilità che quel sale fosse stato aggiunto appositamente per salare il pesce e conservarlo nei contenitori di ceramica dalle elaborate decorazioni prodotti da queste popolazioni.

Durante l’Olocene antico, circa diecimila anni fa, la valle del Nilo era occupata da gruppi di cacciatori-raccoglitori-pescatori che, grazie alla vicinanza del grande fiume, privilegiavano la pesca tra le attività di procacciamento del cibo. Nel Sudan Centrale questi gruppi vengono associati alla fase definita Mesolitico di Khartoum.

Le indagini scientifiche condotte su resti ossei di pesce e frammenti di ceramica, da Andrea Zerboni dell’Università di Milano e dal team internazionale di ricercatori, hanno evidenziato un’alta percentuale di sale. Il sale, chimicamente analogo al comune sale da cucina, si presenta in cristalli regolari che rivestono la superfice delle ossa di pesce e dei contenitori in ceramica. La presenza di cristalli di sale sulle ossa di pesce non è in alcun modo conciliabile con processi naturali di deposizione. Per questo, lo studio ha considerato come confronto la presenza di sale su alcuni pesci di acqua dolce, tradizionalmente conservati per salagione lungo le sponde del Lago di Como (i missoltini), evidenziando straordinarie analogie.

La scoperta ha una grande rilevanza: attesta la più antica testimonianza di uso del sale per la conservazione del cibo e, dal punto di vista antropologico, suggerisce che la possibilità di stoccare cibo favorì il passaggio da una vita nomade ad una più stanziale, con importanti riflessi sull’organizzazione sociale e la crescita demografica delle comunità Mesolitiche. Il surplus di cibo poteva essere utilizzato per garantire la sussistenza anche nei mesi di magra nell’attività di pesca o per integrare l’alimentazione durante la stagione della caccia, o ancora in occasione di attività sociali o rituali. La capacità di conservare parte del pescato per salagione fa di queste popolazioni della valle del Nilo di diecimila anni fa un esempio unico nel quadro delle attuali conoscenze sulle comunità preistoriche. (red)

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Archaeological Science. Maritan, L., Iacumin, P., Zerboni, A., Venturelli, G., Dal Sasso, G., Linseele, V., Talamo, S., Salvatori, S., Usai, D., 2018. Fish and salt: the successful recipe of White Nile Mesolithic hunter-gatherer-fishers. Journal of Archaeological Science, 92, 48–62. doi.org/10.1016/j.jas.2018.02.008 https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0305440318300426    


Vedi
www.unimi.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

  

SR cop giugno18

N. 06 Giugno 2018

 Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica"
formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 Dossier Guerra Fredda

 

 

 
 
 
 
News

nasa pale blue dot 1990 Terra

14.02.18 - Quel San Valentino 1990 fu speciale per la Terra

geo Krimskij Most3

08.02.18 - Il "Krimskij Most" (19 km) ultimato entro l'anno: unirà la Russia alla Crimea

24.01.18 - Brasile, epidemia di febbre gialla: il ministero della Salute raccomanda la vaccinazione

Esa Reindeer Island

13.01.18 - L'isola di Reindeer e le fioriture di alghe inquinate

eso superluna cerro

12.01.18 - La superluna saluta il Cerro Armazones

nasa mcmurdoiceberg

30.12.17 - In volo sul ghiaccio più blu

Osteoporosi maschile: dopo i 50 anni ne soffre 1 su 5 e non lo sa

La Corte di Giustizia Ue fa chiarezza: “Quello di soia non è latte”

Anziani: fare ginnastica con i pesi aiuta il cervello

nasa nuvole estive su Titano

Nuvole estive su Titano (video)

 

Auto Hy plug in ev

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2018

vignetta corriere.it la testimone bendata 200618

Corriere.it   20.06.18

vignetta italiaoggi.it miraggio 200618

Italiaoggi.it   20.06.18 

 vignetta ilfattoquotidiano.it censimento 190618

Ilfattoquotidiano.it   20.06.18

 vignetta independent fumi verdi 200618

 independent.co.uk   20.06.18

 

In cauda venenum 

 15.06.18 - Missile Lutwak sulle Ong/"Onc"

   

Regalati un libro

libro marcio nel piatto

16.05.18 - C'è del marcio nel piatto

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

"Baruffe" tra scienziati

La scimmia e la prima terzina della Divina Commedia

aquila anti drone

Olanda, l'aquila cattura il drone
(video)

 

 

Immagini dal Mondo

geo Alaska

Alaska, in canoa nel Kenai Fjord National Park

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra