? Si costruirà in Italia il "DTT" superlaboratorio di ricerca sulla fusione nucleare - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Al Cern LHC cresce con HILUMI

Luce più luminosa

per una nuova fisica

verso le "extradimensioni"

 infn luminosity LHC

15.06.18 - Iniziati i lavori del più grande progetto di fisica delle particelle dei prossimi 10 anni. Si chiama High Luminosity LHC, detto HiLumi LHC, di cui oggi, 15 giugno, al CERN si celebra la posa della prima pietra con l’inizio dei lavori di ingegneria civile.


Lo studio è stato condotto da un gruppo internazionale di ricercatori coordinato dall'università Statale di Milano

Batteri colonizzatori alleati

delle piante contro la siccità

unimi siccità

13.06.18 - Milano. Scoperti i meccanismi con cui i batteri favoriscono l’adattamento delle piante alla siccità. Un team internazionale di ricercatori dell’Università di Milano

 Si costruirà in Italia il "DTT"

superlaboratorio di ricerca

sulla fusione nucleare

 

Enea DTT inverter lab frascati

Immagine artistica del superlaboratorio "DTT" per la fusione nucleare (credit enea.it)

 

18.10.17 - Un altro passo avanti verso la costruzione di uno dei più ambiziosi progetti di ricerca europei nel settore della produzione di energia da fusione nucleare, ovvero il meccanismo fisico che alimenta le stelle. Nei primi mesi del 2018 prenderà il via la realizzazione a Frascati della Divertor tokamak test facility (DTT), un'infrastruttura strategica nella roadmap verso la fusione. Si tratta di un laboratorio scientifico-tecnologico fra i più grandi d’Europa che prevede investimenti pubblici e privati per 500 milioni di euro e l’impiego di oltre 1500 persone altamente specializzate, direttamente e nell’indotto.

Al progetto, contribuirà EUROfusion il consorzio europeo cui è affidata la gestione delle attività di ricerca sulla fusione nucleare che ha appena previsto un finanziamento da 60 milioni di euro. Ad annunciarlo, nel corso di un’audizione sul Progetto di fusione nucleare ITER alla Commissione Attività produttive della Camera, il Presidente dell’ENEA Federico Testa. “Ai fondi decisi da EUROfusion dovrebbero adesso aggiungersi altre risorse a livello nazionale, tra cui i 40 milioni di euro messi a disposizione dal Miur con la delibera Cipe del 3 agosto scorso e gli altri 40 impegnati dal Mise a partire dal 2019, per un contributo da erogare nei 4 anni successivi” ha dichiarato Testa.

“Più in generale – ha concluso Testa – la realizzazione di questa infrastruttura strategica, che oltre all’ENEA vede il coinvolgimento di numerose istituzioni di ricerca, università e imprese, è un ottimo risultato per l’Italia nella prospettiva di produrre energia in modo sostenibile, contribuire alla decarbonizzazione del sistema ed accompagnare l’industria italiana verso le frontiere più avanzate della ricerca sui materiali”.

Ideata dall’ENEA in collaborazione con CNR, INFN, Consorzio RFX, CREATE e alcune tra le più prestigiose università del settore, la DTT nasce quale anello di collegamento tra i grandi progetti internazionali di fusione nucleare ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor) e DEMO (DEMOnstrating fusion power reactor, il reattore che dopo il 2050 dovrà produrre energia elettrica da fusione nucleare) per fornire risposte, scientifiche, tecniche e tecnologiche a problematiche di grande rilievo quali la gestione dei grandi flussi di potenza prodotti dal plasma combustibile e i materiali da usare come ‘contenitore’ a prova di temperature elevatissime.

Tecnologie avanzate e ricadute per le imprese

Dalla realizzazione della DTT sono attese ricadute di grande rilievo per tutta la comunità scientifica e le aziende italiane ed europee. Ad oggi, la ricerca sulla fusione ha portato risultati rilevanti in termini scientifici ed economici con ricadute significative per le imprese italiane. In ITER (sede a Cadarache, Francia), ad esempio, sono coinvolte, a vario titolo, oltre 500 industrie italiane, fra cui Ansaldo Nucleare, ASG Superconductors (Gruppo Malacalza), SIMIC, Mangiarotti, Walter Tosto, Delata TI, OCEM Energy Technology, Angelantoni Test Technologies, Zanon, CECOM e il consorzio ICAS tra ENEA, Criotec e Tratos, che si sono aggiudicate gare per quasi un miliardo di euro, circa il 60% del valore delle commesse europee per la produzione della componentistica ad alta tecnologia. E l’obiettivo è di generare nuovi contratti per altre centinaia di milioni di euro nei prossimi 5 anni.

Alla base della DTT c’è la stessa tecnologia impiegata per ITER, ma con in più la possibilità di eseguire test utilizzando tecniche brevettate dall’ENEA. DTT sarà un cilindro ipertecnologico alto 10 metri con raggio 5, all’interno del quale saranno confinati 33 metri cubi di plasma alla temperatura di 100 milioni di gradi con una intensità di corrente di 6 milioni di Ampere (pari alla corrente di sei milioni di lampade) e un carico termico sui materiali fino a 50 milioni di watt per metro quadrato (oltre due volte la potenza di un razzo al decollo).

Il plasma “scaldato” lavorerà ad una temperatura di oltre 100 milioni di gradi, i 26 km di cavi superconduttori, in niobio e stagno e i 16 km di quelli in niobio e titanio, distanti solo poche decine di centimetri, saranno a 269 °C sotto zero. Grazie a materiali superconduttori di ultima generazione realizzati dall’ENEA in collaborazione con l’industria di settore, il plasma all’interno di DTT raggiungerà una densità di energia confrontabile a quella del futuro reattore. Bersaglio di tutta la sorgente di potenza, il divertore, elemento chiave del tokamak e il più “sollecitato” dalle altissime potenze, composto di tungsteno o metalli liquidi, rimuovibili grazie a sistemi altamente innovativi di remote handling.

Italia leader nella ricerca sulla fusione

L’Italia ha conquistato un’indiscussa leadership nel campo della fusione: oggi è tra i principali partner delle agenzie europee EUROfusion e Fusion for Energy (F4E) e contribuisce ai grandi programmi di ricerca internazionali: DEMO, Broader Approach ed ITER, in via di realizzazione a Cadarache, nel sud della Francia.
Il Dipartimento Fusione e Tecnologie della Sicurezza Nucleare dell’ENEA con i Centri di Ricerca di Frascati e del Brasimone è un punto di riferimento di eccellenza riconosciuto a livello nazionale e internazionale. I suoi ricercatori sono stati tra i primi a realizzare impianti per lo studio dei plasmi a confinamento magnetico, macchine per la fusione come il Frascati Tokamak (FT) e il Frascati Tokamak Upgrade (FTU).

Contributi sostanziali vengono forniti nei campi della superconduttività, dei componenti interfacciati al plasma, della neutronica, della sicurezza, del remote handling e della fisica del plasma. E negli ultimi 20 anni, nelle attività sulla fusione sono nati oltre 50 brevetti con ricadute significative per lo sviluppo e la competitività delle industrie nazionali.

Oggi l’ENEA è coordinatore del programma nazionale di ricerca sulla fusione e del consorzio ICAS (Italian Consortium for Applied Superconductivity) che ha un ruolo attivo nella produzione di componenti nell’ambito del Broader Approach e di ITER.

ITER è un progetto mondiale da 20 miliardi di euro al quale partecipano Cina, Giappone, India, Corea del Sud, Russia, USA e UE, concepito per dimostrare la fattibilità della produzione di energia da fusione realizzando a Cadarache, un reattore sperimentale alto 30 metri e dal peso di 23 mila tonnellate che dal 2050 dovrà produrre energia elettrica. Si tratta di un’impresa tecnologica ed ingegneristica fra le più grandi e complesse a livello mondiale, fortemente incentrata su collaborazione e sinergie fra ricerca e industria in aree tecnologicamente avanzate. (red)

Vedi www.enea.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

Le città dell’anello merlato

  

SR cop giugno18

N. 06 Giugno 2018

 Per ricevere gratuitamente
"Il Senso della Repubblica"
formato pdf email a heos@heos.it 

 

 Gazzettadiverona.it

GVR foto

 Dossier Guerra Fredda

 

 

 
 
 
 
News

nasa pale blue dot 1990 Terra

14.02.18 - Quel San Valentino 1990 fu speciale per la Terra

geo Krimskij Most3

08.02.18 - Il "Krimskij Most" (19 km) ultimato entro l'anno: unirà la Russia alla Crimea

24.01.18 - Brasile, epidemia di febbre gialla: il ministero della Salute raccomanda la vaccinazione

Esa Reindeer Island

13.01.18 - L'isola di Reindeer e le fioriture di alghe inquinate

eso superluna cerro

12.01.18 - La superluna saluta il Cerro Armazones

nasa mcmurdoiceberg

30.12.17 - In volo sul ghiaccio più blu

Osteoporosi maschile: dopo i 50 anni ne soffre 1 su 5 e non lo sa

La Corte di Giustizia Ue fa chiarezza: “Quello di soia non è latte”

Anziani: fare ginnastica con i pesi aiuta il cervello

nasa nuvole estive su Titano

Nuvole estive su Titano (video)

 

Auto Hy plug in ev

 

 

Vignette nel web - Raccolta 2018

vignetta corriere.it la testimone bendata 200618

Corriere.it   20.06.18

vignetta italiaoggi.it miraggio 200618

Italiaoggi.it   20.06.18 

 vignetta ilfattoquotidiano.it censimento 190618

Ilfattoquotidiano.it   20.06.18

 vignetta independent fumi verdi 200618

 independent.co.uk   20.06.18

 

In cauda venenum 

 15.06.18 - Missile Lutwak sulle Ong/"Onc"

   

Regalati un libro

libro marcio nel piatto

16.05.18 - C'è del marcio nel piatto

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

"Baruffe" tra scienziati

La scimmia e la prima terzina della Divina Commedia

aquila anti drone

Olanda, l'aquila cattura il drone
(video)

 

 

Immagini dal Mondo

geo Alaska

Alaska, in canoa nel Kenai Fjord National Park

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

Informazioni commercili

 

Vaccari logo

Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa

enea isolament sottofinestra