? Fusione nucleare e infrastrutture strategiche: Italia in prima linea con il progetto DTT - Heos.it Rivista scienze politica cultura salute

Developed in conjunction with Ext-Joom.com

 

Primo Piano

Energia dalle onde marine,

la Sardegna diventerà

il "giacimento" più ricco

del Mediterraneo

25.05.17 - Il primato che non ti aspetti dalla Sardegna. In tutto il Mediterraneo, l'isola è l’area che potrebbe produrre più energia dal mare, con un potenziale sitmato di 13 kW per metro di costa, un valore molto simile agli Stati del nord Europa


 Un "cronometro" misura

la "libera uscita" degli elettroni

cnr  Cronometro Elettroni23.05.17. Misurato per la prima volta in tempo reale il moto disordinato degli elettroni ‘liberi’ che si genera all’interno di un materiale isolante (dielettrico) a seguito dell’interazione con fotoni ad alta energia

 


 

 Fusione nucleare

e infrastrutture strategiche:

Italia in prima linea

con il progetto DTT

  

enea BobinaDTT

Immagine artistica della Bobina DTT (foto enea.it)

 

20.04.17 - Fusione nucleare: avanza DTT, ossia Divertor Tokamak Test facility, il progetto da 500 milioni di euro per realizzare in Italia un'infrastruttura strategica di ricerca sulla fusione nucleare. Dopo la risoluzione approvata dalla X Commissione della Camera (Attività produttive, commercio e turismo) che impegna il Governo ad assumere iniziative per la realizzazione del progetto in Italia, anche EUROfusion (https://www.euro-fusion.org/) ha dato il via alla fase finale per finanziare il progetto.

"Si tratta della conferma dell'impegno di Parlamento e Governo nella direzione di favorire la localizzazione nel nostro Paese di infrastrutture di ricerca di frontiera che possono avere grandi ricadute sul tessuto imprenditoriale e per il consolidamento di filiere produttive di eccellenza", ha sottolineato Federico Testa, Presidente dell'ENEA. "Con un investimento di 500 milioni provenienti principalmente da fondi comunitari ed internazionali sarà possibile dare vita ad un polo scientifico-tecnologico di eccellenza con circa 2mila addetti che svilupperà tecnologie innovative per la competitività dell'industria nazionale, con ricadute scientifiche, economiche e per la formazione e l'impiego dei giovani", ha concluso Testa.

L’obiettivo del Divertor Tokamak Test Facility

Il Divertor Tokamak Test facility nasce su impulso dell’ENEA in collaborazione con CNR, INFN, CREATE (Consorzio di Ricerca per l’Energia, l’Automazione e le Tecnologie dell’Elettromagnetismo) e alcune tra le più prestigiose università e aziende italiane leader nel settore. Questo grande laboratorio scientifico italiano, considerato l’anello di collegamento tra i grandi progetti di fusione nucleare ITER e DEMO, fornirà risposte scientifiche, tecniche e tecnologiche cruciali destinate a risolvere una delle maggiori criticità del processo di fusione, lo smaltimento dell’energia nei reattori a fusione. Dopo Iter infatti rimarranno da affrontare i problemi che riguardano la gestione dei grandi flussi di potenza prodotti dal plasma combustibile e i materiali da usare come contenitore. La tecnologia made in Italy alla base di DTT sarà la stessa utilizzata per ITER, ma con in più la possibilità di eseguire test utilizzando anche tecniche brevettate dall’ENEA: su DTT infatti si testeranno configurazioni magnetiche innovative e nuovi materiali come i metalli liquidi.

I “numeri” di DTT

Riprodurre il meccanismo fisico che alimenta le stelle è la grande sfida della ricerca sulla fusione nucleare che vede impegnati i migliori laboratori di tutto il mondo nel produrre energia rinnovabile, sicura, economicamente competitiva, inesauribile e in grado di sostituire i combustibili fossili. Con il progetto DTT si intende realizzare in Italia una macchina-laboratorio che fornirà risposte scientifiche e tecnologiche cruciali per risolvere le maggiori criticità del processo di fusione, vale a dire i materiali da usare nel reattore e la gestione dei grandi flussi di potenza prodotti dal plasma combustibile

In questo cilindro ipertecnologico alto 10 metri con raggio 5, saranno confinati 33 m3 di plasma e portati alla temperatura di 100 milioni di gradi con un'intensità di corrente di 6 milioni di Ampere, un carico termico sui materiali fino a 50 milioni di Watt per metro quadro e un’intensità di campo magnetico di 60 mila Gauss. Mentre il plasma “scaldato” tramite corrente elettrica dall’effetto Joule lavorerà ad una temperatura di milioni di gradi, i 26 km di cavi superconduttori in niobio e stagno e i 16 km di quelli in  niobio e titanio, distanti solo poche decine di centimetri, saranno a 269 °C sotto zero.
Grazie ai materiali superconduttori di ultima generazione realizzati dall’ENEA in collaborazione con l’industria, DTT sarà in grado di lavorare con un alto campo magnetico cosi da minimizzare la dissipazione dei conduttori e confinare plasmi con alta densità di potenza ed energia.
“DTT rappresenta una grande sfida tecnologica per il nostro Paese che potrà generare un giro d’affari di 2 miliardi di euro e riqualificare il tessuto industriale nazionale”, ha dichiarato Flavio Crisanti, Responsabile scientifico del progetto. “Ora, con questa decisione di EUROfusion, prende il via la fase ingegneristica che delineerà l’assetto costruttivo del progetto in vista della sua presentazione il prossimo luglio nel workshop che EUROfusion organizzerà a Frascati. Auspichiamo che a dicembre abbia inizio la fase 3 del progetto, quella realizzativa, quando contiamo di avere a disposizione i fondi dal Governo italiano e dalla Commissione europea".

Il ruolo dell’ENEA

ENEA fornisce un contributo rilevante ai principali programmi di ricerca internazionale sulla fusione (ITER, DEMO e Broader Approach) ed è tra i partner principali delle agenzie europee EUROfusion e Fusion for Energy (F4E). A livello nazionale, ENEA è il punto di riferimento nel progetto ITER, International Thermonuclear Experimental Reactor, reattore sperimentale in via di realizzazione in Francia, a Cadarache, nell’ambito di una collaborazione fra Europa, Giappone, Stati Uniti, Russia, Cina, India e Corea. Il Dipartimento Fusione e Tecnologie della Sicurezza Nucleare, con i Centri di Ricerca di Frascati e del Brasimone, vanta professionalità e dotazioni strumentali di altissimo livello, riconosciuti quali eccellenze a livello internazionale. Gli scienziati dell’ENEA sono stati tra i primi a realizzare impianti per lo studio dei plasmi a confinamento magnetico, macchine per la fusione come il Frascati Tokamak (FT) e il Frascati Tokamak Upgrade (FTU); le attività sulla fusione hanno originato oltre 50 brevetti negli ultimi 20 anni, con ricadute significative per lo sviluppo e la competitività delle industrie nazionali con commesse che hanno superato il miliardo di euro. (red)

vedi
www.enea.it 

Calendario

  

Regalati un libro

Weekend

 

 

 

 

 

 

Heos.it - Giornale online di scienza e cultura. Direttore responsabile Umberto Pivatello 
Sede - Redazione  Heos.it  Via Muselle, n° 940 - 37050 Isola Rizza - Verona (Italy)
    mob.+39 345 9295137 
Email: 
heos@heos.it  -  Privacy e Cookies
Autorizzazione Tribunale di Verona n°1258 - 7  Marzo 1997  Roc n. 16281
Partner tecnologico 
http://www.studio-web.eu/

 

 

SR cop maggio17

N. 05 Maggio 2017

 Per ricevere in omaggio
"Il Senso della Repubblica"
formato pdf email a heos@heos.it 

 

 

 

 

 

 

 

News

nasa cielo maggio17

Il cielo del mese di Maggio

Corruzione aziendale, soldi e carriera: per i giovani Millenials è ammissibile

cro treno east wind Londra cina
Inaugurata la tratta ferroviaria di 12.000 km  Londra - Cina

unitn Campionamenti di insetti margini di un vulcano Photo Pierre Moret

Spedizione scientifica sui ghiacciai delle Ande per studiare insetti e cambiamenti climatici

Anziani: fare ginnastica con i pesi aiuta il cervello

Ricerche e dati sugli oceani al 90% inesplorati

Piano antisismico nazionale: la proposta fa la muffa in commissione Ambiente dal 25 novembre 2013

nasa nuvole estive su Titano

Nuvole estive su Titano (video)

ingv faglia sisma Amatrice video

La faglia del sisma di Amatrice a 360 gradi (video)

 

Auto Hy plug in ev

cordis stazione idrogeno uk

Regno Unito, arriva la prima stazione di rifornimento idrogeno per auto

 

Vignette nel web - Raccolta 2017

vignetta corriere.it prestazionioccasionali 290517

corriere.it     29.05.17

vignetta italiaoggi.it siamopronti 290517

Italiaoggi.it   29.05.17 

vignetta repubblica.it seriaminaccia 270517
  Repubblica.it   27.05.17

 vignetta ilfattoquotidiano.it G7fretta 280517

Ilfattoquotidiano.it   28.05.17

 vignetta independent strongstable 290517

      independent.co.uk  29.05.17

 

 Fortelupo

Petrolio maltese a Roma in cambio di immigrati

Adulti e fanciulli, in fabbrica

I quattrozampe disperati e angosciati

Berlusconi e Renzi d'accordo: al voto in ottobre con proporzionale alla tedesca ossia diserbante totale contro i cespugli

Zitto, la maestra ti ascolta

Cotte e servite le candide anime

Sulle intercettazioni telefoniche tra padre e figlio

Meglio non prenderlo in parola

Le querele non si annunciano, si danno e si devono vincere

  

Dossier Guerra Fredda

 

Gazzettadiverona.it

 

Regalati un libro


L'ordine del tempo

libro ordine del tempo

 

 

 ----------------------------------------------------------------

Curiosità

"Baruffe" tra scienziati

La scimmia e la prima terzina della Divina Commedia

aquila anti drone

Olanda, l'aquila cattura il drone
(video)

 

 

 

 

Immagini dal Mondo

 "Sotto il mio ombrello"

Mondo sottoilmioombrello

 

 

 



 

  


 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 
Informazioni commerciali

   

Vaccari logo
Impiantistica elettrica
Impianti d'allarme e TVCC 
Studio e realizzazioni 
illuminotecniche Soluzioni, prodotti 
e consulenze informatiche
Realizzazione reti dati 
e cablaggi strutturati
+39/336/810434 -
348/2247152
fax +39/045/7103381 eltvac@email.it
 

Razionalizzazione
energetica della casa